Economy Non aprite quella mail! Il problema dei "pixel spia", a casa e...

Non aprite quella mail! Il problema dei “pixel spia”, a casa e al lavoro

Un fenomeno ormai endemico che riguarderebbe “due mail su tre”. Parliamo dei pixel di tracciamento, i piccolissimi punti invisibili contenuti da molti messaggi di posta elettronica mandati da aziende e corporation, che servono a monitorare il comportamento degli utenti. Uno strumento di marketing che però sembra essere sfuggito di mano, e su cui mancano regole precise.

I pixel di tracciamento (detti anche pixel spia) non sono una novità ma una nuova indagine condotta dalla BBC in collaborazione con il servizio di posta elettronica Hey, ha svelato quanto il loro utilizzo si sia diffuso negli ultimi tempi. Un problema per gli utenti tradizionali, ma anche per lavoratori e aziende, per cui la mail è strumento fondamentale.

Come funzionano? Questi puntini sono immagini, spesso in formato GIF dalle dimensioni di 1 pixel per 1 pixel, che sono contenute nella mail. Quando un utente la riceve e la apre, ecco che scarica l’immagine dal server di provenienza, che riesce così ad avere informazioni sull’utente nel momento del download. Quali informazioni? Si va da quelle più basilari ad altre più inquietanti, come:

  • se e quando la mail è stata aperta;
  • quante volte è stata aperta;
  • da quali dispositivi;
  • la posizione fisica degli utenti, che viene dedotta dall’indirizzo IP, con diversi gradi di precisione.

Dalla mail al browser

Un bel problema, perché, com’è ovvio, le mail “non contengono avvisi e segnali che dicono ‘questa mail include un pixel spia’”, come ha spiegato David Heinemeier Hansson, co-fondatore di Hey, presentando la sua ricerca. Insomma, un’invasione della privacy a cui può essere difficile fare fronte. Hansson cita i dati relativi alla sua startup, di successo ma lanciata solo nel 2020: sono quindi numeri minuscoli se messi in confronto al gigante Gmail, ma danno un’idea del rischio che corriamo.

“In media ogni utente Hey riceve 24 mail al giorno che provano a spiarli. Il top 10% ne riceve 50. Ogni giorno processiamo più di un milione di mail ma blocchiamo più di 600mila tentativi di spionaggio al giorno”. Il riferimento è alla capacità di Hey di segnalare e bloccare questi tentativi, cosa che la concorrenza non sembra in grado di fare – o non è disposta a farlo.

Non è tutto, perché c’è pixel spia e pixel spia. Alcuni di questi, secondo uno studio di Princeton, sembrano in grado di collegare i dati raccolti dalla mail a quelli dei cookies dell’utente, ovvero tutte le informazioni sui suoi comportamenti online. Dalla posta elettronica al browser preferito, insomma, il passo potrebbe essere più corto del previsto, e rappresenterebbe un accesso a dati personali e davvero importanti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Webuild: Salini Impregilo lancia la sfida per le grandi opere

Webuild, di cui Salini è il socio di maggioranza, ha una partecipazione azionaria composita, che va dalla CDP fino a varie banche coinvolte

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura