Economy Ops, dobbiamo già ripensare alla Transizione 4.0

Ops, dobbiamo già ripensare alla Transizione 4.0

L’Italia è partita alla grande con il recovery fund. Cioè, non proprio. Tutto nasce con il piano “Transizione 4.0” del Ministero dello Sviluppo Economico, che ha l’obiettivo di “stimolare gli investimenti privati” e “dare stabilità e certezze alle imprese con misure che hanno effetto da novembre 2020 a giugno 2023”, investendo 23 miliardi di euro nella sofferente economia del Paese. Ebbene, dopo essere entrato in vigore con il Bilancio del 2021 passato negli ultimi giorni dello scorso anno, ecco la prima doccia fredda: il piano va ripensato se vogliamo ottenere i fondi del recovery fund europeo. La Commissione Europea, infatti, ha fatto notare che l’intervento dev’essere strutturale e legato alla svolta digitale dell’industria italiana, non un rabbocco di capitale buono per comprarsi qualche macchinario o furgone in più. Insomma, meno superammortamenti, più iperammortamenti per beni “funzionali alla digitalizzazione delle imprese”. Come scrive Il Sole 24 Ore, quindi, l’ex superammortamento verrà finanziato dallo Stato, rimanendo fuori dalle coperture europee, mentre bisognerà darsi da fare per stilare un nuovo decreto legge ad hoc con cui aggiudicarsi gli euro del Next Generation Eu. Ce la faranno i nostri eroi a convincere l’UE?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Rocco Forte Hotels, l’hotellerie di lusso è un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie di lusso...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Sose, società partner del Mef per l’analisi dei dati fiscali

SOSE è la società che si occupa per il ministero della Finanza (Mef) dell’analisi dei dati fiscali. Ecco quali sono i suoi compiti

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura