Economy Il Comune di Milano prova il “nearworking”

Il Comune di Milano prova il “nearworking”

Quello della “città dei 15 minuti” è un vecchio pallino di Beppe Sala, un’idea mutuata da quella della sindaca parigina Anne Hidalgo, con cui quest’ultima vuole trasformare la metropoli in una serie di piccole comunità in cui tutto sia a portata di mano, o di quarto d’ora. A Milano, in tempi di Covid e svuotamento urbano, “La Ville du quart d’heure” è diventata un’opzione irresistibile, specie per venire incontro ai lavoratori in smart working. Palazzo Marino ha quindi deciso di sperimentarla partendo proprio con i suoi dipendenti.

Si chiama “nearworking” e prevede la distribuzione degli uffici in vari punti della città, in modo da avvicinare il lavoro al lavoratore, e non viceversa. “Questo provvedimento – ha detto l’assessore alle Politiche del Lavoro, Attività Produttive e Risorse Umane del Comune di Milano, Cristina Tajani – ci consente di sperimentare nuove modalità lavorative all’interno della Pubblica Amministrazione”. Oltre a valutare la disponibilità dei coworking esistenti, il Comune si impegna a individuare spazi di proprietà comunale per utilizzarli come sedi distaccate e diffuse.

Una proposta che segue il solco profondo della decentralizzazione del lavoro di questo periodo, incrociando nella sua strada un’altra tendenza, urbanistica e d’impronta parigina. Che la strada per la smart city passi anche per una ridistribuzione dei luoghi di lavoro? Pare di sì. E chi continuerà ad andare in ufficio, comunque, lo farà a orari scaglionati in modo da intasare i mezzi (e le strade).

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Reinventing Cities: pasticcio su Ferrovienord. Vince Hines ma il Nodo Bovisa è a rischio

L'offerta di Hines vince su Bovisa con 35 milioni per le aree. Ma c'è una sede di Ferrovienord che da sola costa 60 milioni di euro e non è prevista dal bando. Chi la paga? Ora la gara di Reinventing Cities rischia lo stallo. Manca una firma e il peso è tutto sulle spalle del dirigente di Palazzo Marino, Marino Bottini

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita