Economy Ma che sorpresa, l'Italia è un paese "complesso"

Ma che sorpresa, l’Italia è un paese “complesso”

Secondo l’edizione 2020 del Global Business Complexity Index stilato dalla società di consulenza TMF Group, l’Italia è l’undicesimo paese in Europa per quanto riguarda la complessità del business, e il 36esimo nel mondo. La ricerca riguardava 77 giurisdizioni e aveva l’obiettivo di individuare i Paesi più “employer friendly”, quelli insomma dove un imprenditore ha minori difficoltà a fare impresa. Di conseguenza, l’indice va letto al contrario: le prime posizioni sono riservate ai più “complessi”, mentre più si scende meno burocrazia c’è. Il podio è occupato da Indonesia, Brasile e Argentina, mentre la posizione più alta tra le europee è riservata a Grecia (quinta) e Francia (dodicesima). Nell’Index del 2019, l’Italia era al 24esimo posto, quindi il trend sembra positivo: particolarmente apprezzate le norme che “permettono alle aziende di correggere volontariamente alcuni errori nei loro bilanci senza essere multati”. E i paesi meno complessi? Gli ultimissimi posti contengono qualche sorpresa, e vanno a Giamaica, Stati Uniti d’America e Curaçao.   A meritarsi il titolo di “più complessa” all’Indonesia, secondo il report, è la Negative Investment List, che limita la percentuale di proprietà straniere permessa in ciascun settore industriale, associata alla presenza di 22 settori, divisi a loro volta in più di 200 sottosettori. All’estremo opposto troviamo l’ultima posizione del Curaçao, parte del Regno dei Paesi Bassi (a loro volta messi molto bene in termine di bassa complessità) e caratterizzato da un notevole laissez fare per aziende di qualunque nazionalità.

A ottenere il titolo di paese “più complesso” è l’Indonesia, a causa della sua Negative Investment List, che limita la percentuale di proprietà straniere permessa in ciascun settore industriale. La burocrazia locale non aiuta, visto che ci sono in tutto 22 settori, divisi a loro volta in più di 200 sottosettori. All’estremo opposto troviamo l’ultima posizione del Curaçao, parte del Regno dei Paesi Bassi (a loro volta messi molto bene in termine di bassa complessità) e caratterizzato da un notevole laissez fare per aziende di qualunque nazionalità.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Bonifiche Ferraresi, azienda agricola italiana che punta all’innovazione

Con un patrimonio di circa 7.750 ettari, Bonifiche Ferraresi è l’azienda agricola con il territorio più ampio in Italia. I terreni dell’azienda si estendono...

Inalca, azienda leader nell’industria della carne: attività, governance, fatturato

Leader nell’industria della carne, Inalca è una delle poche aziende in Italia che segue tutta la filiera, dall’allevamento alla vendita

Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero,...

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura