Economy La settimana pazzesca di Airbnb

La settimana pazzesca di Airbnb

Sembrava spacciata. La crisi del turismo causata dalla pandemia, infatti, ha messo in ginocchio ristoranti e alberghi, eppure Airbnb, il sito che ha cambiato il volto delle vacanze negli ultimi anni, ha scelto proprio il 2020 per quotarsi in borsa a Wall Street. Il 10 dicembre scorso c’è stato il grande evento, ed è stata una giornata campale per l’azienda fondata nel 2008, che ha chiuso le quotazioni del giorno con una crescita del 120% del titolo, quintuplicando le stime d’aprile, che la valutavano a 18 miliardi di dollari. Un inizio col botto che ha portato l’azienda a una capitalizzazione di mercato (temporanea) di 108 miliardi di dollari.   Dopo gli entusiasmi iniziali, la situazione si è un po’ equilibrata: in un paio di giorni, il titolo ha perso quasi il 25%, per poi recuperare ancora terreno verso la fine della scorsa settimana. Nonostante il saliscendi, i risultati si son fatti sentire: basti pensare che il crollo dopo la sbornia iniziale ha fatto evaporare cinque miliardi di dollari. Si è quindi tornati a parlare dell’ormai mitico “rischio bolla” legato al mondo digitale. Anche se Airbnb, almeno per ora, non sembra seguire le orme di un’altra realtà del mondo digitale, DoorDash (una sorta di Deliveroo diffuso negli USA), che è sbarcata in borsa pochi giorni prima di Airbnb. Pure in questo caso, infatti, Doordash è partita con il botto, per poi perdere più del 20% nei giorni successivi. Finora, comunque, Airbnb sembra essere riuscita nell’impossibile: sopravvivere – e prosperare – nel 2020.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%