Economy Il turismo è appeso al passaporto vaccinale europeo

Il turismo è appeso al passaporto vaccinale europeo

Dovrebbe essere l’estate della ripartenza, del ritorno alla normalità. Se lo scorso anno i mesi estivi avevano portato con sé una ritrovata libertà, l’estate del 2021 potrebbe essere ancora meglio. Lo spera tanto il settore turistico e tutto il suo indotto, che in Italia rappresenta il 13,2% del Pil per un giro d’affari di 232 miliardi di euro (dati: Enit 2018). Ma rimane un problema, sempre il solito. I vaccini.

La campagna vaccinale dell’Unione Europea è stata caratterizzata da errori e ritardi, tra beghe logistiche, di produzione e sospensioni poco chiare (come quella di AstraZeneca). Risultato: il piano vaccinale langue, specie quando viene messo al confronto con quello di Paesi quali Regno Unito, Israele e Stati Uniti.

Il green pass

Anche per questo l’Ue sta tenendo in considerazione l’idea di un “passaporto vaccinale”. È una proposta che circola da tempo: consiste in un certificato da consegnare ai cittadini europei che sono stati vaccinati, e sono quindi liberi di viaggiare “per lavoro o per turismo”. Il nome ufficiale è “Green pass”, sarà digitale e – ha precisato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – rispettoso della privacy dei cittadini.

D’accordo anche il Ministro del Turismo italiano, Massimo Garavaglia, che ha dichiarato su Facebook: “L’adozione di nuovi strumenti digitali europei che documentino lo stato di salute dei viaggiatori, partendo dall’uso medico per poi preparare un ritorno alla mobilità sicura dei turisti, compatibilmente con l’evoluzione della pandemia, sarà cruciale per la ripresa dell’industria del turismo”.

Ed è questo il punto: il turismo è il settore che più di tutti trarrà i benefici di questa pass, insieme a tutto il suo indotto. Ma non solo: data la natura del turismo nel nostro Paese, l’effetto potrà essere di tipo trickle-down, e piovere a pioggia su trasporti, ristorazione, eventi, le attività centri storici.

Cautela sempre

C’è però chi mette in guardia dalla sensazione di “onnipotenza” che il vaccino potrebbe infondere nei fortunati riceventi. La comunità scientifica sta ancora vagliando alcuni punti centrali, come la durata dell’immunità data dal vaccino e la sua “resistenza” alle varianti. Il rischio che orde di turisti spensierati viaggino da un punto all’altro del Continente credendosi inscalfibili è alto.

Il pass vaccinale, insomma, non è una licenza speciale o un superpotere: serve a ridare ossigeno a un’economia sfibrata.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%