Economy Ce la farà il governo a portare la banda larga in tutta...

Ce la farà il governo a portare la banda larga in tutta Italia?

A quest’ora dovremmo già essere lanciati verso la “Gigabit Society”, il piano europeo per portare la banda larga in ogni angolo dell’Unione. Invece, con le attuali regole, in Italia viene a malapena garantita una connessione 56k: la preistoria di Internet. Non stupirà quindi sapere che il governo ha mancato l’ultima data utile per recepire il nuovo Codice delle comunicazioni europee (pdf), il 21 dicembre scorso. È (o era?) l’ultima occasione che il nostro Paese ha di inserire la banda larga nel proprio servizio universale, rendendo l’accesso a internet un diritto fondamentale, specie ora che la pandemia ha svelato a tutti l’importanza del telelavoro, e quindi di connessioni domestiche affidabili.  

È una questione di competitività, innanzitutto. Per questo, parlare di internet come un diritto non è di più una fantasia da nerd o cyber-entusiasti, ma un’ovvia constatazione: a tal proposito il Cncu (Consiglio nazionale consumatori e utenti) ha dato vita a un’iniziativa in collaborazione con altre associazioni, tra cui Agcom (Autorità per le Comunicazioni), per “richiedere al governo la rapida emissione di una normativa nazionale, in linea con il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, che definisca e declini come obbligo di servizio universale la disponibilità di un servizio di accesso adeguato a internet a banda larga nonché servizi di comunicazione vocale, in una postazione fissa garantendo il continuo innalzamento dei minimi di velocità di accesso adeguandoli allo sviluppo tecnologico”. Le richieste? Un minimo di 100 Mb/secondo in download e 20 Mb/secondo in upload, in tutta Italia, da aggiornare nel tempo. Non impossibile, quindi. Ma ce la faremo?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Webuild: Salini Impregilo lancia la sfida per le grandi opere

Webuild, di cui Salini è il socio di maggioranza, ha una partecipazione azionaria composita, che va dalla CDP fino a varie banche coinvolte

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura