Economy Ce la farà il governo a portare la banda larga in tutta...

Ce la farà il governo a portare la banda larga in tutta Italia?

A quest’ora dovremmo già essere lanciati verso la “Gigabit Society”, il piano europeo per portare la banda larga in ogni angolo dell’Unione. Invece, con le attuali regole, in Italia viene a malapena garantita una connessione 56k: la preistoria di Internet. Non stupirà quindi sapere che il governo ha mancato l’ultima data utile per recepire il nuovo Codice delle comunicazioni europee (pdf), il 21 dicembre scorso. È (o era?) l’ultima occasione che il nostro Paese ha di inserire la banda larga nel proprio servizio universale, rendendo l’accesso a internet un diritto fondamentale, specie ora che la pandemia ha svelato a tutti l’importanza del telelavoro, e quindi di connessioni domestiche affidabili.  

È una questione di competitività, innanzitutto. Per questo, parlare di internet come un diritto non è di più una fantasia da nerd o cyber-entusiasti, ma un’ovvia constatazione: a tal proposito il Cncu (Consiglio nazionale consumatori e utenti) ha dato vita a un’iniziativa in collaborazione con altre associazioni, tra cui Agcom (Autorità per le Comunicazioni), per “richiedere al governo la rapida emissione di una normativa nazionale, in linea con il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, che definisca e declini come obbligo di servizio universale la disponibilità di un servizio di accesso adeguato a internet a banda larga nonché servizi di comunicazione vocale, in una postazione fissa garantendo il continuo innalzamento dei minimi di velocità di accesso adeguandoli allo sviluppo tecnologico”. Le richieste? Un minimo di 100 Mb/secondo in download e 20 Mb/secondo in upload, in tutta Italia, da aggiornare nel tempo. Non impossibile, quindi. Ma ce la faremo?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Chi è Aldo Montano, sciabolatore alla quinta olimpiade: età, carriera sportiva, vita privata – FOTO

Aldo Montano è uno sciabolatore italiano alla sua quinta partecipazione alle Olimpiadi. Un record a 43 anni.

Chi è Olga Plachina, moglie dello sciabolatore Aldo Montano: età, altezza, carriera tra sport e moda

Chi è Olga Plachina, la modella e atleta russa sposata con lo sciabolatore Aldo Montano dal 2016 e con il quale ha due figli.

Simone Tabacci, il figlio del braccio destro di Draghi assunto a Leonardo

Tabacci Simone, figlio del braccio destro di Draghi, è stato assunto da Leonardo con uno stipendio poco inferiore ai 100mila euro annui.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Borsa italiana, alta tensione: le semestrali post Covid? Tutte il 29 luglio. Analisti e Sim contro la Consob, rischio trasparenza sui mercati

Tutte le semestrali post covid delle big di Piazza Affari presentate in poche ore a fine luglio: da Unicredit a Generali, Moncler, Leonardo, Fincantieri, Raiway, Eni, Saipem e Recordati. Un analista: "Assurdo che Consob lo consenta"

Varie ed eventuali su Olimpiadi, idrogeno e auto elettriche

Il boom di auto elettriche ed ibride, i paperoni dello sport olimpico e le vendite vertiginose del prosecco

Brunello Cucinelli fa imbarazzare Gedi per la doppia intervista a La Stampa e Repubblica

Brunello Cucinelli, quella doppia intervista al Gruppo Gedi fa discutere. E anche la sua filantropia anche verso i no-vax

Genova, il G8 e la storia del Black Bloc: dagli anni ’80 a Seattle, ecco la “tattica” che ha cambiato il modo di manifestare

Chi sono i black bloc? Dagli anni '80 ad oggi, storia di un nuovo modo di manifestare che ha fatto scuola in tutto il mondo

Reinventing Cities Milano, Redo e le coop vincono la gara dell’ex Macello

Reinventing Cities Milano, fine dei giochi all'Ex Macello: Redo e le coop i vincitori. Ecco i nodi del progetto