Eutanasia, mozione Pd a Milano: “Il Parlamento approvi la legge sul fine vita”

Filippo Barberis, capogruppo Pd al Comune di Milano: "Bocciatura del referendum, il Parlamento si occupi di suicidio assistito"

“La bocciatura da parte della Consulta del referendum sull’eutanasia è solo un passaggio del difficile cammino verso l’affermazione di un diritto sul quale da troppi anni ormai l’Italia soffre un enorme deficit, deficit che deve essere tempestivamente colmato”: ne è convinto Filippo Barberis, capogruppo del Pd nel consiglio comunale di Milano, annunciando la presentazione di una mozione a Palazzo Marino per invitare il Parlamento di occuparsi di suicidio assistito.

Una mozione che invita le Camere e il Governo ad affrontare il tema del referendum bocciato dalla Consulta, in quanto il quesito è stato giudicato inammissibile.

Eutanasia, Barberis (Pd): “Le Camere affrontino il tema”

Prosegue Barberis: “Presenteremo una mozione in Consiglio comunale perché sia chiaro al Governo e al Parlamento che Milano e questa Amministrazione, come ha per altro detto il Sindaco Sala, chiedono alle Camere di affrontare senza ulteriori rinvii un tema sentito, come dimostrano il milione e duecentomila firme raccolte per promuovere il referendum, che impone alla politica di prendere una decisione chiara sui diritti e le libertà dei malati terminali“.

Anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha preso infatti posizione, commentando questa mattina sui social: “Non sta a me contestare la decisione della Consulta. Sta a me dire come la penso: l’eutanasia va legalizzata.

Eutanasia, la mozione nel consiglio comunale di Milano

Il capogruppo Pd conclude: “Vogliamo rilanciare e sostenere la posizione del nostro segretario Enrico Letta dopo la decisione della Corte costituzionale, che invita le forze politiche presenti in Parlamento ad approvare la legge sul suicidio assistito, tenendo conto delle indicazioni della Corte stessa.

Una posizione coerente all’impegno diretto che molti consiglieri Pd hanno avuto nei mesi passati a sostegno della raccolta firme per il referendum”. Il documento del gruppo Pd in Consiglio a Milano sarà depositato a breve per poi essere presentato in aula.