Politics Vincenzo De Luca: "La Terra dei fuochi è in Lombardia". L'ennesima scemenza...

Vincenzo De Luca: “La Terra dei fuochi è in Lombardia”. L’ennesima scemenza del governatore

Vincenzo De Luca ha un problema con la Lombardia. Non si capisce perché il governatore campano ce l’abbia così tanto con una terra che – al massimo – ha accolto, giustamente e doverosamente, i campani sempre con tanta generosità. Lo stesso De Luca (per me inspiegabilmente, oggi) ha un sacco di fan sotto la Madonnina. Eppure il De Luca pare avere una ossessione: la Lombardia.

Vincenzo De Luca e la Lombardia

E’ qualcosa che non riesce a superare, un po’ come quegli amori traditi che continuano a tornare in mente. Che cosa gli avrà mai fatto la Lombardia? Una bresciana gli ha spezzato il cuore? Un bergamasco gli ha costruito male un muro di casa? Gli è andata di traverso la torta Paradiso oppure il visone di Pavia gli si è infeltrito? Non si sa. Si sa però che c’ha sempre la Lombardia sulla bocca.  Lombardia che peraltro con la Campania proprio non si paragona mai.

L’ultima querelle del governatore contro la Lombardia

L’ultima del governatore campano è questa: “Negli anni passati abbiamo verificato quanti e dove c’erano stati i roghi di rifiuti, e abbiamo notato che i fuochi erano ormai nel resto d’Italia, e non più in Campania. Ci sono più roghi nell’area Padana che nell’area Casertana“. Quindi, i roghi di rifiuti tossici sono in Lombardia, notoriamente. E il problema rifiuti è notoriamente lombardo. E’ la Lombardia, secondo questo genio dalla querela facile, che esporta rifiuti in tutta Italia. Non la Campania, ovviamente. No, sono i lombardi, che si sono costruiti depuratori, inceneritori, termovalorizzatori eccetera, a esportare rifiuti in Campania. Sì, come no. Li esportiamo in sella agli unicorni.

Per dimostrare che noi lombardi siamo anche un po’ zozzoni e malandrini, riporta un episodio di cronaca di qualche giorno fa. Sentite che cosa dice il genio: “Qualche giorno fa ho ascoltato in tv che nel bresciano sono state sversate tonnellate di inquinanti che hanno devastato intere province. La notizia è durata meno di 24 ore e senza strascichi e senza interpretazioni ambientali, senza slogan particolari”. Per la verità la notizia è ancora oggi tra le più lette e si approfondiscono nuovi particolari, e gli esposti contro questi criminali risalgono al 2011. Segno che da queste parti si prendono sul serio le tematiche ambientali. Certo è che se dei criminali sversano in giro robaccia, interviene la magistratura, poiché ci sono abbastanza depuratori e tutto il resto da non avere un problema politico a riguardo.
Però per lo sceriffo campano l’importante è dire che la Lombardia è peggio della Campania. Su tutto.

La replica di Regione Lombardia a Vincenzo De Luca

Attilio Fontana neanche gli risponde, a De Luca. Gli fa rispondere un assessore, Raffaele Cattaneo: “Non c’è alcun dato oggettivo che confermi quanto dichiarato dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che una volta di più si dimostra molto più attento alle dichiarazioni iperboliche e agli eccessi comunicativi che ai fatti”, dice il titolare della delega all’Ambiente. Per la serie: terra dei fuochi la Lombardia? Ma in base a quali dati e quali evidenze? Ma si sa, De Luca è migliore di tutti. Non è un caso che si è vaccinato per primo, prima di Draghi e prima di Mattarella, prima di tutti. Del resto è il migliore, gli altri sono evidentemente tutti scemi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

TNT-FedEx, lavoratori Si Cobas in protesta aggrediti da bodyguard privati: uno in ospedale a Pavia. La Questura: “15 giorni di prognosi”

Protesta TNT-FedEx, un lavoratore colpito da bodyguard privati. Portato al San Matteo di Pavia, si prevedono 15 giorni di prognosi

Maurizio Costanzo alla Roma come nuovo capo comunicazione: primo calcio con il piede sbagliato

Maurizio Costanzo nuovo capo della comunicazione della Roma targata Josè Mourinho: che sorpresa (per lo staff giallorosso)

Superlega, dopo lo stop alla Uefa che cosa fanno i club pentiti?

Ufficialmente sono fuori dal progetto della Superlega, vincolati dal patto siglato con la Uefa per limitare le sanzioni a una piccola multa. Ma Milan, Inter e le altre fuoriuscite...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

TNT-FedEx, lavoratori Si Cobas in protesta aggrediti da bodyguard privati: uno in ospedale a Pavia. La Questura: “15 giorni di prognosi”

Protesta TNT-FedEx, un lavoratore colpito da bodyguard privati. Portato al San Matteo di Pavia, si prevedono 15 giorni di prognosi

Campagna antifumo in luoghi pubblici, la battaglia dell’associazione Ideal per discutere il ddl Auddino

No al fumo in luoghi pubblici come bar, ristoranti, spiagge, stadi e parchi. Lo prevede la proposta di legge Auddino sostenuta da Ideal

Sanità privata in Lombardia, l’usato sicuro che nessuno mette (davvero) in discussione

Sanità privata in Lombardia, quali progetti per riformare il sistema? È tempo di un think tank sulle idee, non sui posizionamenti di partito

Comunali 2021, il centrodestra a Roma sceglie Enrico Michetti. Resta il rebus Milano, ok per Damilano a Torino

Comunali 2021, il centrodestra ha deciso: Enrico Michetti a Roma sfiderà Virginia Raggi. Milano, invece, è ancora un rebus

Reinventing Cities Milano, salta il bluff “green”: a Lambrate vince coop Sant’Ilario (offrendo più soldi con il progetto peggiore)

La gara per riqualificare Scalo Lambrate a Milano nell'ambito di Reinventing Cities è stata vinta da Sant’Ilario Società Cooperativa Edilizia