Politics Un'inchiesta 19 anni dopo i fatti. L'assurdo caso della Corte dei Conti...

Un’inchiesta 19 anni dopo i fatti. L’assurdo caso della Corte dei Conti di Milano

Non c’è una ragione logica per fare il consigliere comunale, il consigliere provinciale o il sindaco. Lo dico da tempo, ma oggi anche di più. La storia è questa: prima dell’abolizione delle Province (errore clamoroso per il quale l’allora ministro Delrio è stato pure ricompensato con il ruolo di capogruppo del Pd alla Camera) e l’istituzione delle Città Metropolitane, a Milano c’erano da ripianare i debiti di una gestione precedente, e quindi si stipularono dei contratti derivati.

Risultato? Quello che si sa, le banche se ne approfittarono e tutte le cause da centinaia di milioni per varie amministrazioni comunali che erano state truffate. La Provincia di Milano avrebbe subito 70 milioni di euro di danno erariale, secondo la Corte dei Conti, la cui procura regionale sta indagando. Tutto giusto. Giustissimo recuperare i soldi.

La Corte di Conti di Milano indaga sui fatti di 19 anni fa

Così, la Corte dei Conti va a bussare a tutti quelli che a qualche titolo ne possono sapere qualcosa: la giunta che ai tempi approvò l’acquisto del derivato, e tutti i consiglieri provinciali. Lo fa esattamente diciannove anni dopo. Diciannove anni. Quindi, chiede a tutti di rispondere di fatti di 19 anni fa. Diciannove. Vi ricordate dove eravate 19 anni fa? Io francamente no. E non ricordo neppure che articolo ho firmato (lavoravo al Giorno), 19 anni fa.

Ecco, ora pensate che se non vi ricordate, potreste passare guai grossi, perché la Corte dei Conti è draconiana nel chiedere soldi ai politici che ritiene abbiano sbagliato. Il che è anche giusto, se lo facesse con un po’ di tempismo. Diciannove anni dopo è la conferma che non c’è una ragione che sia una per fare il consigliere provinciale, comunale o per fare il sindaco. E infatti tra qualche anno nessuno concorrerà più a niente. Andrà così. Ora mi sa che esco e vado a firmare qualunque referendum trovi (purtroppo ce ne è solo uno, ce ne dovrebbero essere 10) sulla Giustizia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver