Politics Nel mondo "chiuso" della Società del Giardino c'è un nuovo presidente: Fiori

Nel mondo “chiuso” della Società del Giardino c’è un nuovo presidente: Fiori

Tornare alla tradizione. Pare questa la parola d’ordine del nuovo presidente della Società del Giardino, Lorenzo Fiori. A Milano, in via San Paolo, c’è uno dei circoli esclusivi più antichi al mondo. La sua storia parte nel 1783, quando trentadue cittadini milanesi decisero di fondare la “società del giardino”, in prossimità di un campo di bocce e – appunto – il giardino pubblico. Oggi ha circa 600 soci, che si sono “trovati” il 29 aprile per una elezione a scrutinio segreto online. Risultato? Confermata la linea della continuità con 270 voti a Lorenzo Fiori, 59 all’outsider (ma di lusso, e sicuramente di valore) Alessandro Valentinis, e 70 a Massimo Giaconia.

Società del Giardino: chi sono Fiori, Valentinis e Giaconia


Chi sono i tre? Storie interessanti per ciascuno di loro e pure per i loro “principali sponsor”. Lorenzo Fiori è il direttore generale della Fondazione Ansaldo, con una lunga carriera in Finmeccanica e poi Leonardo. Laureato nel 1985 al Politecnico in Ingegneria Meccatronica, è stato eletto per tre anni grazie anche alla sponsorship di Massimo Cerutti, ovvero il presidente uscente, assai stimato. Cerutti a sua volta aveva preso il posto di Gaetano Galeone, appellato “Tani” dagli amici del circolo della società del giardino, e che aveva concluso il suo mandato un anno prima. Durante la sua presidenza c’era stata qualche disavventura economica, lui incolpevole, che aveva molto segnato l’animo dei soci. Galeone è tornato in auge come sponsor di Massimo Giaconia, sfidante di Fiori. Giaconia è recentemente entrato nello studio Gatti Pavesi Bianchi Ludovici dopo una lunga carriera in Baker & McKenzie.

Società del Giardino, al via l’era di Lorenzo Fiori


Dunque, questioni elettorali a parte, inizia l’era di Fiori presidente, che nel suo programma ha messo in cima alla lista del “to-do” il ritorno alla tradizione, con una selezione all’ingresso ancora più rigida. Per essere ammessi infatti al circolo non si può essere donne, e bisogna sopravvivere all’ordalia delle palline bianche e palline nere (anche se più recentemente sono state inserite le schede). Un tempo in un’urna tutti i favorevoli all’ammissione del nuovo socio inserivano una pallina bianca, e i contrari la pallina nera. Ogni pallina nera ne “mangiava” quattro bianche. Anche senza palline la metodologia è la stessa ancor oggi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico