Politics Riforma della Giustizia, cosa cambia? Tutto, affinché nulla cambi

Riforma della Giustizia, cosa cambia? Tutto, affinché nulla cambi

Non bisogna farsi ingannare dal balletto. Con la riforma della giustizia non cambierà proprio niente in Italia. Sono solo, appunto, balletti. Riassumiamo la vicenda, per sommi capi. C’è un tizio, di nome Luca Palamara, magistrato potentissimo negli anni, con cariche apicali, che scrive un libro – non smentito (né smentibile) da nessuno perché basato su chat WhatsApp e documentazione – in cui risultano chiare un paio di cose.

Primo: che le nomine nella magistratura sono frutto di correnti e spartizione che in confronto la politica pare un convento di Orsoline. Secondo: che una serie di battaglie, anche giudiziarie, sono state fatte per ragioni di ordine politico e non per l’applicazione della giustizia.

Riforma della giustizia: dallo scandalo Palamara allo scandalo Piero Amara

Non si è ancora concluso lo scandalo Palamara che inizia lo scandalo Piero Amara. L’interrogatorio secretato di questo avvocato viene preso da un pm e mandato a Piercamillo Davigo, il quale tramite la sua segretaria lo spedisce a due giornali. Interrogatorio secretato, ok? Preso e spedito ai giornali.

Tutto questo, se fosse avvenuto alla classe politica, avrebbe causato un terremoto. Invece qui si leggono interviste tiepide, con le quali ancora non si arriva alla separazione delle carriere – che è roba che pure un bambino capirebbe: il giudice deve essere un’altra cosa rispetto alla difesa e ovviamente all’accusa, invece oggi è contiguo all’accusa.

Esempio plastico banale: i pm e giudici generalmente si danno del tu, e molto spesso hanno fatto la carriera insieme.

Magistratura, nel 2021 comandano ancora le correnti?

Il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Santalucia, se ne viene fuori a dire che la magistratura “ha bisogno dell’attenzione del Parlamento”. Del parlamento. Di quegli stessi politici che hanno massacrato pubblicamente per anni, portando al default di credibilità della politica di oggi, ma anche al default di credibilità della stessa magistratura, che secondo un recente sondaggio è crollata alla metà di vent’anni fa, con solo uno su tre che si fida della giustizia.

E il presidente della Repubblica Mattarella, che è il presidente del CSM, e dunque il capo di tutti i magistrati d’Italia? Dice che vuole una riforma rapida e incisiva. Sì, con un governo del genere pare pura utopia. Perché lo è, mentre a Milano va scelto il nuovo capo della Procura e si agitano appetiti, strategie, tattiche. Chissà se nella nomina cambierà qualcosa oppure sceglieranno le correnti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Coca Cola, a Cristiano Ronaldo non piace e la oscura. Ma l’episodio è grave (non da ridere)

Il gesto di Cristiano Ronaldo di nascondere la Coca Cola, uno dei partner ufficiali della Uefa, è grave e illegittimo

Tutti i nuovi social network a cui iscriversi

Da Poparazzi a NewNew passando per BeReal

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il video choc di maltrattamenti sugli animali scuote politica e giustizia

Maltrattamento dei maiali, il proprietario dell'azienda Zema Srl convocato in tribunale dopo il reportage di Animal Equity

Politici italiani famosi, ecco i loro partner nella vita privata

Politici italiani più in vista, quali sono i loro partner? Un excursus da Sergio Mattarella a Mario Draghi fino al ministro Luigi di Maio

Business Insider Italia chiude. Editoria, sta arrivando lo tsunami?

Business Insider Italia chiude, pessima notizia per l'informazione economica. La sorte peggiore per i collaboratori esterni e i freelance

Confindustria, Carlo Bonomi depone la spada e s’innamora di Draghi (e fa breccia nel cuore a Cinque Stelle)

Carlo Bonomi, il capitano di Confindustria con Mario Draghi ha deposto le armi. E ha fatto breccia nel cuore a Cinque Stelle

Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini, le donne ribelli di Forza Italia (ma mai troppo da lasciare il Cavaliere)

Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini, le due ribelli di Forza Italia spesso perdonate (e premiate) da Silvio Berlusconi