Politics Politiche sociali, corsa a due Bertolè-Petracca

Politiche sociali, corsa a due Bertolè-Petracca

di Francesco Floris

Il futuro assessore alle politiche sociali? In corsa ci sono almeno due nomi: da una parte Lamberto Bertolé, il Presidente del consiglio comunale di Milano e della cooperativa sociale Arimo, classe ’74 e da 23 anni di professione operatore sociale oltre che insegnante, può giocarsi finalmente le sue chances nella futura squadra del sindaco Beppe Sala in caso di vittoria a Milano. Una corsa che per ora sembra tutta interna, attendendo di conoscere la data ufficiale del voto alle amministrative e cosa farà il centrodestra. La lista Sala è alle prese con le caselle da riempire. Nell’headquarter in via Dante 7 i due capolista Emmanuel Conte, manager di Intesa Sanpaolo-Imi e probabile assessore al Bilancio in caso di vittoria, e la giovane Martina Riva si coordinano con la presidente del comitato elettorale Maura Satta Flores – provenienza VeDrò di Enrico Letta – per trovare quasi 300 nomi validi da inserire fra consiglio comunale e Municipi. Hanno incassato il sì di Gabriele Rabaiotti, assessore alle Politiche sociali e abitative, e il grosso endorsement delle Acli che candideranno direttamente l’ex Presidente Paolo Petracca. Anche l’ex numero dei Cristiano Lavoratori ambisce alla poltrona più alta di largo Treves.

Nel frattempo nel Partito democratico di Milano proseguono le manovre in vista delle elezioni. È tornata d’attualità Natascia Tosoni. La Direzione dei dem, su “veto” dei compagni di partito nel Municipio 5 di Milano, il 24 febbraio ha concesso “la grazia” e deciso di accettare il rientro con candidatura della donna che ha fatto dentro-fuori-dentro nei cinque anni precedenti, costruendo a Palazzo Marino il gruppo consiliare “Milano Progressista” assieme ad Anita Pirovano, il verde Enrico Fedrighini, lo stesso Emmanuel Conte e David Gentili, anche lui eletto nel Pd, uscito e poi rientrato. Gentili però non subirà lo stesso trattamento benevolo del partito a meno che il suo di Municipio, il 6, non si metta di traverso per chiederne la ri-conferma.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Bonifiche Ferraresi, azienda agricola italiana che punta all’innovazione

Con un patrimonio di circa 7.750 ettari, Bonifiche Ferraresi è l’azienda agricola con il territorio più ampio in Italia. I terreni dell’azienda si estendono...

Inalca, azienda leader nell’industria della carne: attività, governance, fatturato

Leader nell’industria della carne, Inalca è una delle poche aziende in Italia che segue tutta la filiera, dall’allevamento alla vendita

Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero,...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015