Politics Perchè il blocco Sfratti 2021 è illegittimo? Il parere della Corte Costituzionale

Perchè il blocco Sfratti 2021 è illegittimo? Il parere della Corte Costituzionale

Fin dall’inizio dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, a marzo 2020, diversi sono stati gli interventi legislativi adottati su iniziativa governativa e finalizzati a prevenire la diffusione del contagio e a sostenere i contribuenti mediante la previsione di agevolazioni.

Infatti, settori come quello del lavoro, della fiscalità e della giustizia sono stati direttamente oggetto dei provvedimenti che si sono susseguiti. Anche la normativa processuale e, in particolare, il processo esecutivo sono stati interessati da modifiche normative e misure di favore. Infatti, nel tracciare le linee guida per lo svolgimento del processo esecutivo in tempo di pandemia, il legislatore sembra essere stato mosso da una duplice finalità: da un lato, quella di evitare spostamenti e assembramenti tra persone, – si pensi allo svolgimento delle udienze da remoto – e, dall’altro, quello di ridurre l’impatto economico negativo derivante dall’emergenza sanitaria.

L’emergenza sanitaria e la sospensione degli sfratti

Nel quadro così delineato si inserisce, altresì, la sospensione delle procedure esecutive sull’abitazione principale del debitore, prevista fino al 30 giugno 2021, e disposta dall’art. 54-ter, d.l. n. 18/2020, cd. decreto “Cura Italia”. Il fermo di tali procedure è, secondo il legislatore, giustificato dall’esigenza di contenere gli effetti negativi dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. La realtà dei fatti, tuttavia, appare ben diversa dalla ratio legis. Infatti, dalla formulazione della disposizione non si evince la sospensione delle espropriazioni per crediti dipendenti dall’emergenza sanitaria, quanto, piuttosto, la sospensione, in generale, di tutte le procedure esecutive riguardanti l’abitazione principale del debitore e, dunque, anche relativamente ai procedimenti avviati precedentemente allo scoppio della pandemia. Sul tema, si è pronunciata anche la Corte Costituzionale con la sentenza n. 128/2021 del 22 giugno 2021, relativamente alle questioni di legittimità sollevate dai Tribunali di Barcellona Pozzo di Gotto e di Rovigo sull’articolo 13, comma 14, del d.l. n. 183/2020 (cd. “Milleproroghe”).

Blocco Sfratti anti-Covid. Il parere della Corte Costituzionale

Tale disposizione, che ha appunto introdotto la proroga, fino al 30 giugno 2021, della sospensione dei procedimenti esecutivi immobiliari aventi ad oggetto l’abitazione principale del debitore, è stata dichiarata illegittima. Secondo la censura mossa dalla Corte, la proroga sembrerebbe porsi in contrasto con l’art. 24, primo comma, Cost., in quanto comprimerebbe, senza alcuna ragione giustificativa, il diritto del creditore in sede esecutiva; con gli artt. 3, secondo comma, e 47, secondo comma, Cost., atteso che il legislatore non avrebbe ponderato adeguatamente né i contrapposti interessi delle parti del processo esecutivo, né l’incidenza negativa che una progressiva stabilizzazione della misura di sospensione potrebbe avere sui tassi di interesse dei mutui; e con l’art. 111, secondo comma, Cost., in virtù dell’incidenza negativa della sospensione della procedura esecutiva sulla sua ragionevole durata.

“Serve bilanciamento tra i valori costituzionali”

La Corte, infatti, sottolinea che la sospensione delle procedure esecutive deve costituire un evento eccezionale, giustificato da particolari esigenze transitorie e comunque limitato ad un ristretto periodo temporale; in aggiunta, un’eventuale sospensione deve tener conto di un ragionevole bilanciamento tra valori costituzionali in conflitto. In particolare, la Corte ha ritenuto non più proporzionato il bilanciamento tra la tutela giurisdizionale del creditore e quella del debitore, considerando che i giudizi civili, dopo una prima fase di sospensione generalizzata, sono ripresi gradualmente e con modalità compatibili con l’emergenza sanitaria. Secondo quanto affermato dalla Corte, il sacrificio richiesto ai creditori avrebbe dovuto essere dimensionato rispetto alle reali esigenze di protezione dei debitori, con l’indicazione di adeguati criteri selettivi, che, tuttavia, non sono stati menzionati. Parallelamente, è stata ribadita la facoltà del legislatore, qualora l’emergenza epidemiologica lo richieda, di adottare le misure più idonee per realizzare un diverso bilanciamento, ragionevole e proporzionato, tra il diritto del debitore all’abitazione e la tutela giurisdizionale in sede esecutiva dei creditori.

*articolo a cura dell’Avv.Sbaraglia e Dottoressa Iorio – Studio Acta

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Chi è la fidanzata di Gregorio Paltrinieri?

Chi è Letizia Ruoli, la fidanzata del nuotatore Gregorio Paltrinieri? I due sono molto riservati ma sono insieme da tanti anni

Cantieri sulle autostrade: la mappa di agosto in Italia

Oltre alla normale presenza di ingorghi sulle direttrici più trafficate, quest'estate la viabilità sulle autostrade sarà complicata dalla presenza di quasi 400...

Ecco il piano scuola per il rientro in presenza a settembre: finestre aperte nelle aule e ginnastica senza mascherine

Il piano scuola del Governo per il rientro è stato fissato: dalle lezioni in presenza alle assunzioni dei docenti fino al 30 dicembre.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano