Politics Il caso Fontana e il caso Arcuri, paradigma di Nord e Sud

Il caso Fontana e il caso Arcuri, paradigma di Nord e Sud

Quest’estate, poco prima di andare in vacanza per la breve tregua che ci ha dato il virus, abbiamo visto sui tutti i giornali d’Italia una sfilza di prime pagine lunga così. La motivazione? Il cosiddetto caso camici. Ovvero la storia di una fornitura di camici, mai pagati da Regione Lombardia, che ha riguardato il cognato di Attilio Fontana, a cui lo stesso Fontana avrebbe voluto regalare dei soldi per “ristorarlo” dell’impossibilità di vendere quei camici alla Regione, visto che li dovette regalare.

Guardate bene i fatti: i camici non sono mai stati pagati, e non c’è un euro che la Regione ha dato al cognato di Fontana. Tutte le altre faccende sono contorni, i fatti sono questi. Attenzione, perché quando uno scrive cose del genere si finisce sempre per essere presi come difensori acefali della Regione: la Regione ha fatto centinaia di errori, e nel mio libro ne racconto un bel po’. Ma ecco, sul fatto che quel caso non sia la prova che in Regione sono malfattori, ne sono certo. A che punto è l’inchiesta? E chi lo sa?

Probabilmente chiederanno una proroga delle indagini, e magari qualche nuovo colpo di scena emergerà sui giornali. Quindi, riepilogando: zero euro dalla pubblica amministrazione e tutte le prime pagine e tutte le tv su questo caso. Oggi sfoglio il Corriere e a pagina 150mila (per dire) c’è il caso delle mascherine dalla Cina importate da Arcuri. Attenzione! Si tratta di una commessa pagata, pagatissima. Stiamo parlando, stando a quanto si legge, di oltre un miliardo di euro che ha fruttato ai mediatori 72 milioni di euro. A indagare non è un qualche pm sconosciuto, ma Paolo Ielo, che ho conosciuto e che è un mastino vero. Uno serio, ecco. Si ipotizza che ci siano state influenze illecite con Arcuri, grazie ai buoni uffici di un ex giornalista Rai. Ora, al di là del caso, che va tutto verificato perché l’accusa è sempre e solo una parte: possibile mai che per dei camici mai pagati dalla Regione è venuto fuori il finimondo e per un miliardo di euro pagato dallo Stato si finisce in fondo ai giornali e in nessun telegiornale?

E perché l’inchiesta, va che caso strano, emerge proprio quando non c’è più la tutela politica su Arcuri, leggasi Giuseppe Conte? A pensar male non si fa peccato, delle volte.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Chi è la fidanzata di Gregorio Paltrinieri?

Chi è Letizia Ruoli, la fidanzata del nuotatore Gregorio Paltrinieri? I due sono molto riservati ma sono insieme da tanti anni

Cantieri sulle autostrade: la mappa di agosto in Italia

Oltre alla normale presenza di ingorghi sulle direttrici più trafficate, quest'estate la viabilità sulle autostrade sarà complicata dalla presenza di quasi 400...

Ecco il piano scuola per il rientro in presenza a settembre: finestre aperte nelle aule e ginnastica senza mascherine

Il piano scuola del Governo per il rientro è stato fissato: dalle lezioni in presenza alle assunzioni dei docenti fino al 30 dicembre.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano