Politics Lombardia. Rimpasto? Si alza il livello, richiesto incontro leader nazionali

Lombardia. Rimpasto? Si alza il livello, richiesto incontro leader nazionali

La giunta Fontana potrebbe mangiare tranquillamente la colomba, sempre che la Pasqua non “cada” troppo tardi

Non si farà con interlocutori solo lombardi, il rimpasto di giunta. E c’è già chi mormora che altro che panettone: l’attuale giunta potrebbe mangiare tranquillamente la colomba, sempre che la Pasqua non “cada” troppo tardi. Una cosa è certa: la questione è politica, e vede nel mirino in particolar modo Forza Italia, con Giulio Gallera – al quale non si può lasciare il ruolo di capro espiatorio – e con Alessandro Mattinzoli, responsabile della delega allo Sviluppo Economico. Quest’ultimo è molto difeso da Mariastella Gelmini ma è nel mirino perché Matteo Salvini ha ben presente che finita la complicatissima fase di distribuzione dei vaccini anticovid la più grande priorità sarà proprio l’aiuto alle attività produttive. E quindi? Quindi visto che con i referenti lombardi non si cava un ragno dal buco, e visto il nuovo protagonismo di Silvio Berlusconi, il centrodestra nei suoi tre leader nazionali dovrà riunirsi per fare il punto. Il governatore Fontana continua con il suo ragionamento, nelle segrete stanze: a che pro cambiare per mantenere lo stesso “livello”? Se a dire sì alla giunta lombarda fosse la Gelmini stessa, o Giorgetti (per dire due nomi a caso ma non troppo) allora ci sarebbe la motivazione anche politica e qualitativa per fare cambi. Ma cambiare un consigliere promosso assessore con un altro consigliere promosso assessore non convince, per adesso. E quindi? I più cinici tra gli osservatori dicono che da uno stallo del genere non si esce facilmente. Del resto, se ancora manca il candidato sindaco malgrado i tanti annunci, come si potrà avere un rimpasto a breve? Anche perché nell’ambito di una trattativa complessiva unire più partite non facilita l’opera, ma la complica

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"