Politics Fondazione Gimbe e Lombardia, continua la guerra sui dati sbagliati

Fondazione Gimbe e Lombardia, continua la guerra sui dati sbagliati

E così, pare proprio che non andremo in zona gialla. Contagi troppo alti, dicono. Con l’Rt sotto l’1. La motivazione ufficiale è che bisogna stare 15 giorni in un colore per passare al successivo. Ora, io capisco tutto, ma questo non lo sto capendo. Tralasciamo per un secondo la querelle sui dati. Ma quei dati si riferiscono alla prima settimana che la Lombardia ha passato in zona rossa. Ma erano sballati, dunque la Lombardia sarebbe dovuta essere in arancione. Dunque vale come zona arancione, perché la misura è stata anche più restrittiva?

Assolutamente no. I geni hanno deciso che quella settimana in zona rossa vale come zona rossa, poi ci vogliono 15 giorni di arancione e poi si vedrà. Quindi, riepilogando. I commercianti sono stati penalizzati prima dalla zona rossa, e adesso vengono penalizzati perché si fanno una settimana in più anche di zona arancione. Bisogna essere evidentemente dei geni. Se fossi un ristoratore, darei l’assalto al ministero con i forconi.

La Fondazione Gimbe

Poi però c’è pure qualcosa d’altro che mi scandalizza. Ci hanno raccontato in lungo e in largo che la Fondazione Gimbe sono dei fenomeni che raccontano la realtà, e che non fanno politica eccetera. Che cosa fa la Fondazione Gimbe? Spara forte contro la Regione dicendo che più di metà dei vaccini non sono stati fatti ai medici, ma ad altra gente. La Regione replica con i dati in mano che questo è falso. E allora Gimbe dice: ah, meglio così. Peccato che per ore sia girata la notizia che c’erano i furbetti del vaccino in giro per la Regione. Ed è questa la notizia che è passata. Fossi Regione e fossi sicuro di avere ragione con i dati giusti in mano, querelerei tutti. Ora, Gimbe dice che questi dati sono quelli forniti dal Ministero.

Quindi subito il giallo: il Ministero ha dei dati, e la Regione altri. Ma se i dati del ministero sono quelli spediti dalla Regione che cosa può essere mai successo? Ma è possibile che non si riesca mai ad avere chiarezza su cose così semplici come cifre e numeri? Cose univoche, che non devono essere interpretate. E invece lo sono, e tutti fanno politica. Il primo che mi dirà che i tecnici sono meglio dei politici gli tiro uno scappellotto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Riccardo Muti: biografia, figli e carriera di un ambasciatore italiano nel mondo

Chi è Riccardo Muti, il celebre direttore d'orchestra che oggi, 28 luglio, compie 80 anni. Biografia, figli e carriera di un ambasciatore...

Stefano De Martino e Fiammetta Cicogna si sono sposati (ma è solo una scena di un film)

L’ex ballerino di Amici insieme alla modella e conduttrice Fiammetta Cicogna stanno girando il film dal titolo Il giorno più bello.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano