Politics "Lite" in diretta? Che fatica il Sudoku degli ospiti tv

“Lite” in diretta? Che fatica il Sudoku degli ospiti tv

Un Sudoku, e di quelli estremi. Quando guardate una delle decine e decine di trasmissioni di approfondimento politico che da mattina a sera riempiono i palinsesti delle tv sappiate che, dietro, prima, nelle redazioni gli autori sono impegnati in una vera e propria guerra all’incastro. Incastro di ospiti.

Perché se pensate che basti invitare per avere un politico o un opinionista vi sbagliate di grosso; bisogna infatti fare i conti con i preferiti anzi, i veti.

Già al momento dell’invito parte (dagli addetti stampa) la richiesta di chiarimenti: di cosa si parla? Quanto tempo ha per parlare? E, soprattutto, CHI C’È?

Ecco, chi c’è, la domanda delle domande. E qui vengono fuori simpatie ed antipatie vecchie o nuove.

Che cosa c’è dietro la “lite” in diretta tv

Le cose poi per gli autori si complicano perché, inutile nasconderselo, a molti programmi piace la “lite” in diretta per cui avere due nemici dichiarati l’uno contro l’altro farebbe gioco, per gli ascolti.

Ovvio che gli attriti crescono con l’allontanarsi dal centro dello schieramento politico. Ma c’è anche un discorso di Prime Seconda Repubblica, tradotto: molti dei grillini, ultimi arrivati, non godono proprio di stima e favori da parte dei loro colleghi diciamo più esperti.

Stesso discorso anche per i giornalisti (solitamente però meno schizzinosi). Tra questi infatti è presente quella che sarebbe la persona meno amata tra tutte: Gaetano Pedullà. Il direttore de “La Notizia”, molto filo grillino e difensore supremo dell’ex premier Conte, non è soggetto che si tira indietro quando c’è da alzare la voce. E, dicono nelle redazioni, trovare qualcuno da affiancare disposto allo scontro diventa sempre più difficile. Un Sudoku, diabolico.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare