Ecco come votano i giovani. Esultano i Verdi. Calenda a True: “Piacciamo”

La generazione verde ha spinto in Parlamento il duo Sinistra Italiana-Europa Verde. Lo testimonia uno studio di Youtrend, pubblicato dall'Agi

La generazione verde ha spinto in Parlamento il duo Sinistra Italiana-Europa Verde. Lo testimonia uno studio di Youtrend, pubblicato dall’Agi, secondo cui i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 34 anni hanno sostenuto, con un importante 7%, la coppia Fratoianni-Bonelli.

Il voto dei movimenti ambientalisti e il Pd che li snobba

Aggiunge Lorenzo Pregliasco: “Molti ragazzi che manifestavano per i Fridays for Future, raggiunta la maggiore età, hanno votato per chi sosteneva le istanze ambientali”.

Il movimento ambientalista radicale “Ultima Generazione” lamenta – contattato da true-news.it – di “non essere stato ascoltato dal partito più importante della coalizione di cui faceva parte Europa Verde”. Insomma, il Pd ha snobbato i giovani ambientalisti. E lo dimostrano anche i dati: “Quanto al Pd – dichiara Pregliasco – “è il primo partito tra gli over 65 ma va in sofferenza già tra gli elettori sotto i 55 anni”.

Ultima Generazione: “Eleonora Evi, europarlamentare di EV, è venuta in piazza della Scala”

E non è bastato ai Dem milanesi lo sciopero della fame di alcuni militanti di UG. Che hanno trovato sponda, invece, nel partito di Bonelli, come spiega un referente: “Eleonora Evi, europarlamentare di EV, è venuta in piazza della Scala dalle tre persone che stanno continuando lo sciopero della fame e si è impegnata a nome del suo partito, alla presentazione di una proposta di legge per non riaprire le centrali a carbone e non permettere nuove trivellazioni.

Ma sapendo già come saranno composte le nuove camere e quale maggioranza governerà il paese, non ci aspettiamo molto da proposte politiche. Per questo continueremo e intensificheremo le nostre azioni di disobbedienza e resistenza civile.

La sorpresa: i giovani amano Calenda

Ma c’è un’altra sorpresa che arriva dall’analisi del voto giovanile: il boom di Azione e Italia Viva. Questa mattina Carlo Calenda ha twittato entusiasta: “Abbiamo raccolto un larghissimo consenso tra i giovanissimi (siamo il primo partito) e i giovani.

Questo è il dato più importante per me. I giovani capiscono meglio di tanti altri l’inconsistenza di una politica che promette e non realizza. Avanti #TerzoPolo”. La didascalia accompagna una tabella, realizzata dall’Istituto Ixè, che certifica il successo del duo Azione-Iv nella fascia 18-24 (17,6). Ma nella fascia d’età compresa tra i 25 e i 34 anni trionfano Fratelli d’Italia con il 23,1 % e il Movimento Cinque Stelle che raccimola il 20,2.

Il Terzo Polo piace ai ragazzini ma, superati i 24 anni, i giovani italiani si sono divisi tra Meloni e Conte.

Del resto, un’avvisaglia della passione per la Generazione Z nei confronti di Calenda si era avuta in fase pre-elettorale. Un confronto video con ospite il “Churcill dei Parioli” (cit. Dagospia), pubblicato da Will, noto progetto giornalistico che viaggia solo sui social, con un grande seguito dei giovanissimi, ha superato per visualizzazioni tutti gli altri candidati.

Sarà forse perchè, nello stesso filmato, Calenda ha affermato di aver avuto una certa passione per le canne?

Calenda, contattato da True-News.it, si dichiara “molto felice”. E aggiunge che si tratta “di un trend in atto da molto tempo. Anche di partecipazione”.