Politics Cerno, ovvero come insultare il Pd, non pagare, ed essere riaccolti. Commento

Cerno, ovvero come insultare il Pd, non pagare, ed essere riaccolti. Commento

Il problema della politica è che manca di linearità, di logica. Nessuno ha capito la crisi e nessuno comprende e comprenderà perché abbiamo il governo più debole dell’Europa occidentale. Il problema dei partiti, invece, che sono peraltro i registi della politica, è che mancano di spina dorsale. Di dignità. Dignità è una bella parola. La dignità è la condizione di nobiltà morale in cui l’uomo è posto dal suo grado. Nobiltà. Ora, tenete a mente questa definizione un po’ leziosa dalla Treccani, e questa parola: nobiltà. E ora visualizzate Tommaso Cerno. Non riuscite? Anche a me viene difficile, perché è una personalità (non una persona, ma una personalità) che mi ripugna. Cerno è un ex giornalista dell’Espresso, che si è candidato con il Pd alle elezioni tre anni fa. Dove? Ovviamente a Milano, dove è stato paracadutato da Renzi malgrado non lo volesse più o meno nessuno. A Milano e ai sostenitori milanesi del Pd Cerno aveva promesso di occuparsi del territorio e bla bla bla.

Risultato? Mai fatto nulla. A partire dal suo stesso partito, il Pd. Mai versato le quote che erano dovute al partito. Così, il Pd di Milano, dopo avergli chiesto mille volte i soldi, avvia le azioni legali. Non sappiamo come siano finite. Nel frattempo Cerno però decide di essere signore, e dice che il Pd gli chiedeva il pizzo e che la segretaria Silvia Roggiani è una semplice portaborse. Capito che signore? Nobile signore, si direbbe. Lei lo querela. Lui, forse spaventato dalla querela (si fa per dire, ovviamente), forse perché non vuol pagare, o forse davvero per motivi politici, esce dal Pd e si mette nel gruppo misto. Ieri ha annunciato che rientra nel Pd. Che ovviamente lo accoglie, perché per salvare Conte si è disposti a tutto. Anche a non avere la spina dorsale minima.

(Foto: Wikipedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare