Politics Cdp-Milano, matrimonio a seconda vista

Cdp-Milano, matrimonio a seconda vista

La nuova sede di Cdp a Milano in via San Marco è da leggere come segnale?

di Francesco Floris

La notizia è, o meglio pare, una di quelle da comunicato stampa: l’apertura della nuova sede di Cassa Depositi e Prestiti a Milano in via San Marco. Obiettivo proclamato? “Supportare 50mila imprese e 2mila enti pubblici”, valorizzando le sinergie con i partner bancari e le istituzioni locali e facendo confluire nella nuova sede milanese 30 risorse del Gruppo, provenienti da Cdp Infrastrutture e PA, Cdp Imprese e Cdp Equity. In una fase complicata per Milano e la Lombardia, c’è chi la notizia la legge all’interno di una serie di segnali. Visibili, come quello di voler aiutare il centro in sofferenza del capoluogo più colpito dalla pandemia (a cominciare da bar e attività commerciali). Altri meno visibili, almeno in superficie: il rinnovato interesse di Roma e di una Cdp sempre più interventista in economia per il mondo produttivo lombardo e del nord. Un riavvicinamento che segue anni di rapporti non sempre facili: non si contano infatti le dichiarazioni pubbliche (e private) in cui esponenti della classe dirigente, politica e imprenditoriale lombarda accusano Roma e il braccio finanziario del Tesoro di essere troppo orientati a sud. Soprattutto dopo l’arrivo (in massa) dei grillini a Palazzo Chigi e in Parlamento. Non è un caso che la regia di questa operazione sia in mano al più “nordico” dei Cinque Stelle: Stefano Buffagni, vice ministro allo Sviluppo economico. Non da solo, certamente. Nelle scelte di Cdp contano ancora i “grandi vecchi” di banche e fondazioni. A cominciare da Giovanni Bazoli e, soprattutto, da Giuseppe Guzzetti. Che alla veneranda età di 86 anni muove ancora le pedine sulla scacchiera. Chissà se il “suo” numero uno in Cdp, Giovanni Gorno Tempini, si sia fatto ispirare dall’esperienza dello storico Presidente di Cariplo?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Chi è la fidanzata di Gregorio Paltrinieri?

Chi è Letizia Ruoli, la fidanzata del nuotatore Gregorio Paltrinieri? I due sono molto riservati ma sono insieme da tanti anni

Cantieri sulle autostrade: la mappa di agosto in Italia

Oltre alla normale presenza di ingorghi sulle direttrici più trafficate, quest'estate la viabilità sulle autostrade sarà complicata dalla presenza di quasi 400...

Ecco il piano scuola per il rientro in presenza a settembre: finestre aperte nelle aule e ginnastica senza mascherine

Il piano scuola del Governo per il rientro è stato fissato: dalle lezioni in presenza alle assunzioni dei docenti fino al 30 dicembre.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver