Politics La solitudine di Carlo Calenda e il Pd dilaniato dalle correnti

La solitudine di Carlo Calenda e il Pd dilaniato dalle correnti

di Francesco Floris

Meglio soli che male accompagnati, vuole la saggezza popolare. Chissà cosa ne pensa Carlo Calenda. C’è anche lui tra gli “orfani” delle dimissioni a mezzo Facebook di Nicola Zingaretti da segretario del Pd? Può darsi. Perché all’ex ministro dello Sviluppo economico faceva gioco porsi in contrapposizione ai progetti di alleanza Pd-Cinque Stelle del governatore del Lazio. A cominciare dalla partita principe. Anzi, Capitale: il sindaco di Roma. Dove Calenda, che non ha fatto un passo indietro nemmeno per sbaglio sulla sua corsa in solitaria per il Campidoglio, poteva e può giocare il ruolo di grillo parlante e bastone fra le ruote drenando i voti fra i centristi contrari a qualunque alleanza pur di battere la destra. E poi giocarsi quel gruzzolo di voti al ballottaggio. Impresa non impossibile quella di infilarsi nelle geometrie variabili e nelle contraddizioni del pericoloso ménage a trois che vedeva i dem puntare a un’alleanza con i grillini, ma ponendo il veto sulla riconferma di Virginia Raggi (magari con nomi come Roberto Gualtieri e ora addirittura lo stesso Zingaretti?), la sindaca di Roma non gettare la spugna magari puntando sui fuoriusciti dal MoVimento e i Cinque Stelle “governativi” disposti forse a sacrificare Roma in cambio dell’appoggio a Napoli – patria di Roberto Fico e a un tiro di schioppo dal “fortino” campano, di Luigi Di Maio. Stesso discorso in Lombardia e a Milano. Dove Azione di Carlo Calenda cresceva nelle tessere e nell’interesse della base centrista ponendosi in dialogo con Pd, Italia Viva, Radicali, Più Europa ma anche la lista di Alleanza Civica riunita intorno a Franco D’Alfonso e a una vecchia conoscenza dell’ex numero uno del Mise, il sindacalista Marco Bentivogli.

La dipartita di Zingaretti regala il Partito democratico alla lotta fra le correnti. Dove troverà ora spazio Carlo Calenda? Di certo non in dialogo con l’ala di sinistra dei dem rappresentata dal ministro Andrea Orlando, l’ex ministro Giuseppe Provenzano e Anna Rossomando che invece guardano a Gianni Cuperlo e Barbara Pollastrini. La corrente dei “sindaci” di Dario Nardella e il presidente Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro (più Giorgio Gori) si riunisce intorno a Stefano Bonaccini e ha bisogno di “amministratori” non di velleità da leader di partiti personali. Forse Azione può guardare a “Base Riformista” di Lorenzo Guerini, Luca Lotti e Simona Malpezzi? O ai Giovani Turchi (ci sono anche gli ex Giovani Turchi) con Matteo Orfini, Giuditta Pini e Francesco Verducci? Fra i dem ci sono anche gli uomini che si riuniscono attorno all’associazione “Fianco a Fianco” con Graziano Delrio (in lizza per il posto di segretario), Debora Serracchiani e Matteo Mauri come anche la cosiddetta “Area Dem” di Roberta Pinotti, Piero Fassino e Dario Franceschini. Il tutto mentre gli “zingarettiani” di Goffredo Bettini, Roberto Gualtieri e Paola De Micheli si riorganizzano e decidono il da farsi. Tanto affollamento. In epoca di distanziamento sociale, per Carlo Calenda, meglio solo che male accompagnato.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico