Politics Antonio Barbato rinviato a giudizio

Antonio Barbato rinviato a giudizio

Di Klaus Rossi

Rinviato a giudizio. L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015, quando da comandante l’ex ufficiale avviò la prima campagna nazionale sulla sicurezza stradale della polizia locale di Milano. Barbato aveva contato su testimonial come Andrea Bocelli, la famiglia Kennedy, lo scrittore Alessandro Baricco, i cantanti Malika Ayane e Max Pezzali. Protagonisti, con altri personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, di un video realizzato con il Giffoni Film Festival.

Antonio Barbato e quella lettera anonima…

Ma nel 2017, poco dopo la sua defenestrazione, una lettera anonima lo accusò di essere stato corrotto per l’appalto. Alla lettera fu dato seguito e le indagini furono affidate proprio a Marco Ciacci, l’uomo che aveva sostituito Barbato come comandante dei vigili. Furono anche autorizzate delle intercettazioni benché fossero passati ormai quattro anni dal fatto oggetto della denuncia, ma i magistrati non hanno trovato nessuna prova di corruzione, anche perché il Giffoni partecipò alla gara con un’offerta ribassata di 20mila euro su 64mila pur essendo l’unico ente partecipante.

“Ormai in Italia il rinvio a giudizio è scontato”

Anche le accuse di non aver mai svolto l’evento per il quale era stato pagato il Giffoni sono state smontate indirettamente da un entusiastico comunicato di Marco Granelli, l’attuale assessore comunale alla Mobilità, che parlava proprio del progetto. L’unica parte non attuata del contratto tra Comune di Milano e Giffoni sarebbe la formazione, ma all’epoca, secondo il legale di Barbato Massimiliano Annetta, Palazzo Marino non disponeva nemmeno di un’aula dove far vedere registrazioni video agli agenti della Polizia locale. Nonostante tutto, è arrivato il rinvio a giudizio: “Ormai in Italia è praticamente automatico – ha commentato Annetta – non ti ascoltano nemmeno, forse andrebbe proposto di eliminare l’udienza preliminare per andare sempre a processo”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico