Pharma Scacchiera Sanità: sotto al Senato, l'incubo del Governo ora è in Commissione

Scacchiera Sanità: sotto al Senato, l’incubo del Governo ora è in Commissione

di Giacomo Alessandrini

L’incubo del Governo? Ora sono le commissioni parlamentari. Dopo la conta di martedì sera con la fiducia strappata in Senato, il vero nodo da risolvere per Giuseppe Conte e compagni sono i numeri lì dove le riforme si pensano e si approvano. Anche in vista del Recovery Fund. A Palazzo Madama la questione è complessa: su 24 componenti della 12ª Commissione Igiene e Sanità ben 14 appartengono a partiti d’opposizione fra gruppo misto, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, oltre al nodo Italia Viva da sciogliere. Proprio del partito di Matteo Renzi è la Presidente della Commissione, Annamaria Parente. Inoltre vi è l’incognita sulla Senatrice a vita Elena Cattaneo, che pur essendo membro non partecipa quasi mai ai lavori della Commissione. Numeri che tradotti significano solo una cosa: il leader di Italia Viva avrà pure giocato a poker ma si è portato via almeno metà del piatto. Al momento è difficile per la maggioranza incassare proposte e netti “sì” senza cedere a compromessi e a qualche richiesta dell’opposizione. Tutto ciò al netto di possibili allargamenti della maggioranza nelle prossime settimane su cui sono già al lavoro gli alfieri delle larghe intese. Non cambia nulla, o quasi, invece alla Camera dei Deputati. Dove Michela Rostan di Italia Viva è uno due vicepresidenti della XII Commissione Affari Sociali e Vito De Filippo (ex IV, rientrato tre giorni fa nel Partito democratico) hanno entrambi votato la fiducia al governo Conte-bis. Esecutivo e maggioranza tengono i numeri a Montecitorio e non subiscono ripercussioni. Come non cambia la lottizzazione dello schema di vertice al Ministero della Salute – di cui pure si era vociferato – con Roberto Speranza di Liberi e Uguali, Pierpaolo Sileri del Movimento Cinque Stelle e Sandra Zampa del Pd che mantengono inalterati i propri ruoli al dicastero.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza