Pharma L'idea di Beppe Sala? Una lista elettorale per la “Salute”

L’idea di Beppe Sala? Una lista elettorale per la “Salute”

di Francesco Floris

Circola da settimane l’idea. Una lista elettorale a tema “salute” da presentare alle elezioni comunali di Milano il 10 e 11 ottobre 2021. Del resto se “scontro” sulla sanità deve essere, lo sia fino in fondo. Anche con Regione. Il regista dell’operazione sembra essere il consigliere comunale uscente Marco Fumagalli, medico e vicino a Beppe Sala. Ma nella testa del sindaco di Milano non mancano i motivi per mettere in piedi quella che è già stata ribattezzata la “decima lista”.

Tre gli obiettivi fondamentali. Il primo, tattico: rafforzare la coalizione che lo sostiene anche in vista di un possibile scontro per Palazzo Marino più intenso di quanto si potesse immaginare qualche settimana fa, se il centrodestra dovesse pescare l’asso dal mazzo candidando uno fra Gabriele Albertini, Maurizio Lupi o Riccardo Ruggero, amministratore delegato di Telecom ai tempi in cui Sala faceva il Direttore Generale della società. I due non si sono lasciati esattamente fra baci e abbracci.

Il secondo, strategico: parlare di salute e sanità. Tutti i sindaci d’Italia dovranno fare i conti alle urne – pur senza esserne la causa – con la crisi sociale e sanitaria che si è abbattuta sulla penisola. L’elettorato tende a cogliere poco le sfumature sulla “divisione” delle responsabilità tra i diversi livelli amministrativi, sul titolo V della Costituzione e via dicendo. E in genere se la prende con il politico che gli è più “vicino”. Rimane comunque il fatto che, a oggi, il sindaco è già formalmente il primo responsabile delle salute dei propri cittadini. Lo si è visto, per esempio, nello scontro politico fra interessi contrapposti sul “blocco degli sfratti”. Con i primi cittadini, anche di coalizioni moderate, a tifare per il “rinnovo del blocco” dopo gli studi che in Usa hanno dimostrato correlazioni da due a cinque volte superiori su contagi e mortalità da Covid negli Stati della Federazione che hanno rimosso la “moratoria” sugli sfratti.

Il terzo motivo è operativo e fondamentale: cosa vuole fare una città come Milano con i suoi 300mila over 65 di cui oltre il 33% che vive in casa da solo, stando all’ultimo censimento? Chi meglio delle politiche sociali conosce con una “risoluzione” al dettaglio di quartiere o singolo indirizzo le situazioni su cui intervenire?

Si pensi al paradosso di questi mesi: con i cosiddetti “custodi sociali” dei caseggiati popolari che riferiscono e indicano ai medici di base i casi di persone fragili o anziane su cui è urgente intervenire. È stata pura improvvisazione – certo – che però può essere messa a sistema. Se si vuole davvero realizzare un modello integrato di welfare dai sindaci e dai Municipi bisogna passare per forza. Beppe Sala lo sa. E si sta attrezzando.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Chi è Valentina Sganga, candidata sindaca per il M5s alle elezioni Torino 2021

Chi è Valentina Sganga, che ha annunciato ai suoi elettori e follower l’intenzione di candidarsi sindaca alle elezioni di Torino 2021

Chi è Andrea Russi, candidato M5S alle elezioni Torino 2021

Andrea Russi è un giovane politico del MoVimento 5 Stelle, prima consigliere comunale e ora candidato alle elezioni Torino 2021

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti