Roadshow “Salute”, Moratti: “Grande coinvolgimento dei territori nella scelta delle sedi per le Case di Comunità”

Ancora una volta Letizia Moratti, assessore al Welfare di Regione Lombardia, ribadisce il nodo cruciale della riforma della sanità lombarda

“Il coinvolgimento dei territori è fondamentale e deriva dal concetto di fondo con il quale abbiamo voluto rafforzare la sanità territoriale: ovvero curare la persona e non la malattia”. Ancora una volta Letizia Moratti, vice presidente di Regione Lombardia e assessore al Welfare, ribadisce il nodo cruciale della riforma della sanità lombarda, durante la settima tappa del roadshow “Salute, un bene del territorio. I presidi territoriali e il futuro della sanità in tutte le province lombarde“, promosso da Federfarma con il supporto organizzativo di Inrete.

Moratti: “Nelle Case di Comunità va in scena l’integrazione tra i vari soggetti per la cura della persona”

Un punto di grande importanza è l’integrazione, spiega Moratti: “In tutti gli aspetti che vanno dalla prevenzione all’intero percorso di vita. Ma significa anche farsi carico degli aspetti che riguardano la sfera sociale e psicologica. E i luoghi dove avviene l’integrazione sono le Casa della Comunità attraverso la collaborazione di assistenti sociali e psicologici.

E’ fondamentale il coinvolgimento degli enti locali. Abbiamo cercato di non imporre dall’alto la scelta delle località in cui insediare le Case. Una grande collaborazione per garantire una grande continuità assistenziale”.