Pharma Sanità lombarda, via alla riforma. Monti: “Assunzioni e medicina territoriale”

Sanità lombarda, via alla riforma. Monti: “Assunzioni e medicina territoriale”

di redazione

“L’audizione di questa mattina con Agenas ha delineato in che modo il sistema sanitario lombardo si sia evoluto negli anni post-riforma Maroni. Molto bene i dati riportati da Agenas sulla Presa in Carico del paziente cronico e fragile: sono un elemento da cui partire. La Commissione Sanità regionale è pronta ad avviare il percorso di revisione della Legge 23/2015 e ne sarà protagonista. Coinvolgeremo le parti sociali nella discussione e daremo centralità all’organo legislativo, serve però un percorso condiviso da tutte le forze politiche”.

Così Emanuele MontiPresidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali al Pirellone, a margine dell’audizione del Direttore Generale di Agenas, Domenico Mantoan, che si è tenuta il 31 marzo in merito alla determinazione dell’ufficio di presidenza della Commissione relativa all’inizio della revisione della Legge regionale 23/2015.

“Ho condiviso con la Vicepresidente Moratti e il Presidente Fontana un metodo di lavoro – spiega Emanuele Monti –, di concerto con i componenti dell’ufficio di presidenza, compreso il Consigliere Mammì (M5S) in rappresentanza delle minoranze, per formalizzare l’avvio della revisione della Legge regionale 23/2015. Abbiamo chiesto contestualmente di condividere un approccio volto alla condivisione delle idee. Il rilancio e il potenziamento del sistema sanitario regionale non può essere un interesse di parte ma deve necessariamente vedere tutte le forze politiche impegnate nella stessa direzione. Veniamo da mesi molto difficili in cui la pandemia ha inasprito la dialettica politica ma ora c’è bisogno di uno sforzo per smorzare i toni e lavorare nel merito”.

“La via maestra – continua Monti – sarà quella dell’ascolto delle parti sociali. Ho proposto di calendarizzare tre sedute settimanali di audizioni a partire da maggio, con la presenza della Vicepresidente Moratti e la direzione welfare, durante le quali incontreremo i principali stakeholder, fissando il criterio della rappresentatività regionale come condizione imprescindibile e necessaria. Vogliamo incontrare il maggior numero di soggetti istituzionali e di concludere l’iter di audizioni entro due mesi dall’avvio del medesimo. Entro fine settembre la legge di revisione sarà approvata”.

“La commissione offrirà uno spazio di confronto e ascolto necessario – conclude –, qualificando i lavori del Consiglio regionale, in modo che la legge parta dai rappresentanti del sistema sanitario regionale e si concentri sugli aspetti da rafforzare della Legge 23/2015 a partire dalle mutate condizioni di sistema e dallo sblocco alle assunzioni e ai fondi per sviluppare la medicina territoriale. Le realtà sociali saranno le protagoniste di questo percorso di rilancio del sistema sanitario lombardo”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza