“Promuovere sistemi di salute mentale esclusivi”, a Roma il “Global Mental Health Summit”. Scarica il programma

In Italia arriva un appuntamento clou: il Global Mental Health Summit sbarca nella Capitale dal 13 al 14 ottobre

La salute mentale è ormai al centro dell’attenzione del mondo mediatico e medico. Soprattutto dopo l’aumento di casi di ansia, depressione fino ai suicidi di teenager, dovuti alla pandemia. In Italia arriva un appuntamento clou per discutere del tema: il Global Mental Health Summit sbarca nella Capitale dal 13 al 14 ottobre.

Cosa è il GHMS

Il GMHS, evento condiviso con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, svilupperà l’ambizioso piano di azione tracciato a Londra nel 2018, incrementando la consapevolezza e l’impegno in tema di salute mentale sia a livello politico che nella società civile.

La salute mentale è una componenteessenziale della capacità di resilienza delle comunità, ed è quindi fondamentale attuare politiche nazionali che promuovano sistemi di salute mentale inclusivi, efficaci e a tutela dei diritti.

Gli obiettivi

Il GMHS rafforzerà l’azione globale da parte dei Governi, delle organizzazioni internazionali e della società civile perché si affrontino i numerosi problemi nell’organizzazione dei servizi di salute mentale, messi a dura prova dalla pressione delle recenti crisi sanitarie e umanitarie, e a superare le debolezze strutturali che impediscono a molti milioni di persone di ricevere cure adeguate per i loro bisogni di salute mentale.

I temi principali del Summit, concepiti all’interno di una cornice che mette in risalto l’importanza dei diritti umani e della dignità delle persone affette da disturbi mentali, sono la centralità dell’approccio comunitario alla salute mentale e il coinvolgimento dei diretti interessati e delle loro famiglie nel processo di cura e recupero psicosociale. La salute mentale è una componente essenziale nella preparazione della risposta alle emergenze come quelle che si stanno attualmente affrontando.

In questo contesto, gli sforzi di prevenzione e intervento dovrebbero concentrarsi principalmente sulle esigenze delle persone maggiormente colpite dalle crisi.

“Estremo bisogno di servizi di salute mentale”

Vi è un estremo bisogno di servizi di salute mentale ben organizzati, con finanziamenti adeguati, che possano contare su un’adeguata dotazione di personale. Gli ostacoli da superare per la realizzazione di tali servizi comprendono, tra gli altri, la mancanza di finanziamenti e investimenti nella cura e nella ricerca sulla salute mentale, la scarsità di risorse umane qualificate, lo stigma sociale e la discriminazione.

Infine, il GHMS richiamerà l’attenzione su differenti strategie di “capacity-building”, come l’identificazione e la condivisione di buone pratiche, comprese le nuove opportunità offerte dalla salute mentale digitale e da altre iniziative sviluppate nel corso della recente pandemia.

Gli ospiti

Il parterre degli ospiti è di assoluta qualità: per il Ministero della Salute italiano parleranno Sandra Zampa, Antonio Gaudioso, Giovanni Leonardi, Sergio Iavicoli, Giovanni Rezza, Maria Assunta Giannini e Mariella De Santis.

Fabrizio Starace interverrà in rappresentanza del Consiglio Superiore di Sanità mentre Silvio Brusaferro prenderà la parola per l’Istituto Superiore di Sanità.

Previsti rappresentanti delle istituzioni da tutto il mondo compresi Devora Kestel e Dan Chisholm dell’Oms.

SCARICA IL PROGRAMMA