Pharma Piemonte, 10 milioni per la medicina territoriale

Piemonte, 10 milioni per la medicina territoriale

di redazione

Dieci milioni a bilancio nel 2021, oltre ai 17,3 milioni già destinati alle attrezzature sanitarie di diagnostica di primo livello a favore dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta. Più l’investimento di 7 milioni deliberato il 20 novembre scorso per la telemedicina. Sono i numeri del piano Piemonte per la riorganizzazione della medicina territoriale. Annunciato a dicembre dal presidente della Regione Alberto Cirio, l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi e il coordinatore del Gruppo di lavoro sulla Medicina territoriale, Ferruccio Fazio, ora la Commissione Sanità di Palazzo Lascaris, presieduta dal vicepresidente Andrea Cane, ha licenziato il 9 febbraio a maggioranza il Disegno di legge 127 “Sviluppo delle forme associative della Medicina generale”, pronto per la discussione in Aula.

Il via libera arriva dopo la discussione iniziata nei giorni scorsi in Commissione e il passaggio in Commissione Bilancio per l’approvazione della norma finanziaria. Festeggia il Gruppo Lega Salvini Piemonte, di cui fanno parte proprio il vicepresidente della Commissione Andrea Cane, la portavoce del Gruppo in Commissione, Sara Zambaia, e lo stesso assessore Icardi.

L’obiettivo di norma e stanziamento economico si inserisce nel quadro più ampio del rafforzamento della medicina territoriale – argomento all’ordine del giorno dopo un anno di pandemia Covid – per la realizzazione della continuità delle cure, la presa in carico dei pazienti cronici e una migliore accessibilità alle prestazioni sanitarie. Anche e soprattutto nei territori montani o con caratteristiche di zona disagiata.

Tra i tasselli della riforma più ampia di settore si parla di dare all’assistenza primaria il ruolo cardine sul territorio. Come? Potenziando le attuali forme associative di gruppo e di rete della medicina generale. I medici che sceglieranno infatti di lavorare in una di queste due modalità potranno essere supportati da personale di studio: il 60% potrà disporre di personale di segreteria (oggi è il 43%) e il 40% di personale infermieristico (oggi intorno 19%). Si tratta anche di dare una risposta quei territori ampi, più remoti, spesso con popolazione scarsa e ambulatori medici più dispersi, dove la scelta migliore potrà essere proprio la medicina in rete, che non prevede l’obbligo di una sede unica, consentendo ai medici di mantenere i loro ambulatori per non compromettere la capillarità dell’assistenza e favorire l’accessibilità agli assistiti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Sia, la tecnologia al servizio del sistema finanziario

Sia Spa è un'azienda italiana che opera nel settore ICT, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, leader europeo nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture...

Bonifiche Ferraresi, azienda agricola italiana che punta all’innovazione

Con un patrimonio di circa 7.750 ettari, Bonifiche Ferraresi è l’azienda agricola con il territorio più ampio in Italia. I terreni dell’azienda si estendono...

Inalca, azienda leader nell’industria della carne: attività, governance, fatturato

Leader nell’industria della carne, Inalca è una delle poche aziende in Italia che segue tutta la filiera, dall’allevamento alla vendita

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza