Pharma “Digital first” e dati “bene comune”. Ecco il piano di trasformazione digitale

“Digital first” e dati “bene comune”. Ecco il piano di trasformazione digitale

di redazione

Obiettivo? La digitalizzazione della pubblica amministrazione per una “Pa che accompagni i cittadini e le imprese verso nuove modalità di fruizione dei servizi” contribuendo a sviluppare e diffondere competenze e cultura dell’innovazione. Ecco lo scopo del Piano Triennale ICT 2021-2023 del Ministero dello Sviluppo Economico. Il nuovo reggente del Mise, Giancarlo Giorgetti, lavorerà però spalla a spalla con Vittorio Colao, l’ex manager Vodafone titolare del dicastero per la Transizione Digitale. Il documento di 47 pagine redatto a cavallo fra i due governi dai funzionari del Mise parla di una “trasformazione” che “deve avvenire nel contesto del mercato unico europeo di beni e servizi digitali” secondo una strategia coordinata a livello continentale che si promette di “migliorare l’accesso online ai beni e servizi per i consumatori e le imprese e creare le condizioni favorevoli affinché le reti e i servizi digitali possano svilupparsi per massimizzare il potenziale di crescita dell’economia digitale europea”.

I principi guida

I principi guida? Tanti ma quelli fondamentali sono riassumibili nei seguenti, Primo: le pubbliche amministrazioni devono realizzare servizi primariamente digitali dando priorità agli applicativi utilizzabili su mobile. Secondo: “digital identiyt only”; esclusività dei sistemi di identità digitale definiti dalla legge ma assicurando almeno l’accesso ai servizi tramite SPID. Terzo: i dati sono la nuova ricchezza. E quindi “un bene comune”. Per questo motivo secondo la relazione “il patrimonio informativo della pubblica amministrazione è un bene fondamentale per lo sviluppo del Paese e deve essere valorizzato e reso disponibile ai cittadini e alle imprese, in forma aperta e interoperabile” seguendo la strada tracciata ormai da anni (per esempio con i Foia, anche se su richiesta). Per realizzare ciò serve però l’approccio “user-centric e data driven”. Tradotto: agilità. Le amministrazioni devono sviluppare i servizi digitali in modo che anche la loro fruizione oltre che precisione e interoperabilità migliorino di continuo. Come? Partendo dall’esperienza dell’utente e basandosi sulla continua misurazione di prestazioni e utilizzo.

Collegato a ciò il capitolo “open source” con le pubbliche amministrazioni che devono prediligere l’utilizzo di software con codice sorgente aperto e, nel caso di software sviluppato in proprio o per loro conto, deve essere reso disponibile il codice sorgente.

Spid, fatturazione elettorinca, anagrafe.

Dal 2014 tanti passi in avanti

Obiettivi ambiziosi. Ma che vanno nella giusta direzione e dove i miglioramenti si sono visti anche in Italia negli ultimi anni. Si pensi alla “Strategia per la crescita digitale del Paese” varata nel 2014 in attuazione dell’Agenda digitale italiana e realizzata dall’Agenzia per l’Italia Digitale (Agid, l’antecedente dell’attuale Ministero guidato da Colao) attraverso il Piano Triennale per l’Informatica nella PA che in qualche modo è la matrice anche del progetto attuale. Ha garantito passi in avanti ( ma non definitivi) sui alcuni grandi progetti di innovazione come l’anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr), oppure il Sistema pubblico di identità digitale (Spid) che nell’anno della pandemia è diventato argomento quotidiano per prestazioni e comunicazioni con Inps e Agenzia delle Entrare, passando per la Fatturazione elettronica, PagoPA.

Il ruolo di Consip

In questo quadro cruciale diventa ruolo di Consip – la maxi centrale acquisti dello Stato – che in qualità di piattaforma di committenza può offrire le competenze per un procurement ICT di eccellenza. Il vantaggio di ricorrere a una stazione appaltante unica è la capacità di governare progetti complessi che per forza di cose necessitano di complesse procedure d’acquisto. Come quelle che riguardano i servizi cloud, cioè quelli erogati su grandi infrastrutture comuni che servono contemporaneamente più amministrazioni. Solo attraverso questi strumenti, nel triennio 2018-20 sono stati stipulati da parte delle amministrazioni contratti per un valore di oltre 2,3 miliardi di euro a cui vanno aggiunti altri 6,1 miliardi che hanno riguardato un pacchetto di offerta più articolato: dalle infrastrutture fisiche (server, reti locali, sistemi di videosorveglianza), ai dispositivi (pc portatili e desktop, tablet, apparecchiature multifunzione), passando per licenze software, servizi professionali di supporto (gestione dei sistemi informativi, servizi applicativi), servizi di comunicazione (telefonia fissa e mobile, contact center, posta elettronica).

La sfida? Un Ssn digitale

Cifre che devono aumentare, pensando per esempio all’imponente sfida delle iniziative dedicate alla Sanità digitale che, invece, hanno l’obiettivo di mettere a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni, appartenenti o che operano a favore e per conto del Ssn, servizi applicativi e di supporto con il fine di favorire il processo di trasformazione digitale della sanità pubblica italiana. Una sfida che potrebbe essere vinta anche grazie alle risorse del Recovery Plan e Pnnr.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza