Pharma “Medicina personalizzata e AI: ecco il futuro della dermatologia”

“Medicina personalizzata e AI: ecco il futuro della dermatologia”

Il futuro? “La medicina di precisione” che mette “al centro di tutto il paziente personalizzando il più possibile prevenzione, diagnosi e cure”. Paolo Pozzolini è l’uomo giusto se si vuole parlare degli sviluppi della dermatologia. Vice President and General Manager LEO Pharma Italy, una vita spesa nel settore farmaceutico. L’ultima sfida in ordine di tempo? Nel 2019 con l’inaugurazione dello stabilimento produttivo di LEO Pharma a Segrate, con il polo milanese che impiega oltre 200 persone ed è uno dei siti d’eccellenza del gruppo danese.

Dottor Pozzolini, negli ultimi anni LEO Pharma ha fatto importanti acquisizioni in campo dermatologico. Quale è la strategia dell’azienda in questo settore?

Per aumentare la nostra presenza globale e sostenere una costante crescita finanziaria, negli ultimi anni abbiamo effettuato importanti acquisizioni. Nel 2016, abbiamo acquisito il portafoglio dermatologico di Astellas, che include prodotti per il trattamento dell’eczema, dell’acne e delle infezioni cutanee. Inoltre, grazie a una partnership strategica con AstraZeneca, siamo entrati nel mondo dei farmaci biologici e nel 2019 è stato approvato brodalumab, il nostro primo farmaco biologico per i pazienti con psoriasi moderata-grave. Il 1° luglio 2019 si è conclusa l’acquisizione dell’Unità di Bayer dei farmaci dermatologici soggetti a prescrizione per il trattamento di acne, infezioni fungine della pelle, rosacea e una gamma di steroidi per uso topico. Con l’acquisizione è passata a LEO Pharma anche la proprietà del sito produttivo italiano di Segrate. Con la nostra presenza in Italia ci impegniamo a generare rilevanti ricadute sul tessuto economico nazionale e locale e crediamo che con questa operazione, il Sistema italiano, che si posiziona già al primo posto in termini di produzione farmaceutica nell’Unione Europea, possa ulteriormente svilupparsi.

Siete un’azienda totalmente dedicata alla dermatologia: quali sono le principali patologie di cui vi occupate e quali i futuri sviluppi?

Siamo un’azienda specializzata in dermatologia e offriamo soluzioni terapeutiche per la cura di psoriasi (dalle forme più lievi a quelle più gravi), dermatite atopica, infezioni cutanee, acne e rosacea. LEO Pharma Italia ha raggiunto in un triennio due obiettivi importanti per la cura della psoriasi: nel 2018 abbiamo lanciato un nuovo farmaco topico in schiuma, un’innovazione che ha cambiato il paradigma di cura della psoriasi lieve-moderata; l’anno successivo, nel 2019 abbiamo lanciato il primo farmaco biologico LEO Pharma per le forme moderate-gravi di questa patologia. Questo ci consente di essere oggi l’unica azienda a poter offrire ai pazienti soluzioni terapeutiche per tutti i gradi di severità della psoriasi, dalle forme più lievi a quelle gravi.

Come azienda totalmente dedicata alla dermatologia, non potevamo dimenticare una patologia con un forte impatto sulla qualità di vita dei pazienti: la dermatite atopica. Abbiamo infatti una molecola che ha completato il suo sviluppo clinico nel campo della terapia della dermatite atopica moderata-severa, tralokinumab, ed è in attesa dell’approvazione da parte dell’ente regolatorio europeo. I risultati degli studi clinici ci dicono che questa molecola ha apportato miglioramenti dimostrati e statisticamente significativi su indicatori quali prurito e indici di qualità di vita importanti per i pazienti, con un profilo di sicurezza comparabile a quello del placebo.

Come LEO Pharma si prende cura dei pazienti?

Ogni giorno abbiamo ben in mente il nostro obiettivo principale: migliorare la qualità di vita dei pazienti guardando oltre la pelle. Per fare questo non ci limitiamo a rendere disponibili le migliori soluzioni farmacologiche, ma consideriamo il paziente nel suo complesso, cercando di rispondere a tutte quelle necessità che chi soffre di patologie dermatologiche deve poter soddisfare per avere una vita migliore. In questo particolare momento storico ci sentiamo chiamati ancor di più a rafforzare il nostro ruolo di responsabilità sociale e a consolidare il nostro impegno per le persone con patologie della pelle, un impegno che va ben al di là dei trattamenti, ma vuole indirizzarsi verso il miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

In questa direzione, a maggio 2020 abbiamo dato vita al progetto “DermatologicaMente”, un servizio gratuito di supporto psicologico a distanza dedicato alle persone con patologie croniche della pelle. L’Associazione Psoriasici Italiani Amici della Fondazione Corazza (APIAFCO) e i Giovani Psicologi della Lombardia (GPL), hanno messo a disposizione questo servizio gratuito per i pazienti, realizzato con il contributo incondizionato di LEO Pharma.

Come vede lo sviluppo della dermatologia nei prossimi anni? Quale approccio nella presa in carico del paziente?

La medicina di precisione ci porterà sempre di più verso un approccio che metta realmente al centro di tutto il paziente personalizzando il più possibile prevenzione, diagnosi e cure in base alle caratteristiche del singolo individuo e alla sua reazione, fisica e psicologica, alla patologia. Cambierà pelle anche la diagnostica, con l’uso di tecnologie sempre più accurate e con sistemi di intelligenza artificiale che potranno essere di supporto allo specialista. E certamente, grazie agli investimenti in R&D, avremo sempre più opzioni terapeutiche che ci consentiranno di poter dare una risposta efficace alle esigenze di ogni paziente.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Ristoranti con dehors? Zona rossa o zona bianca, è beffa per i commercianti di Milano: ora non si trovano i materiali

Gazebo, teli e materie prime sono introvabili. Gli imprenditori: "Attendo da 2 mesi". Così la decisione è diventata un boomerang

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti