Pharma Sanità. Nuova squadra per Luca Zaia: “La prima volta di un infermiere”

Sanità. Nuova squadra per Luca Zaia: “La prima volta di un infermiere”

di Francesco Floris

Centouno (101 ) candidature. Qualche conferma e tante novità. Il contratto firmato dai direttori generali valido per tre anni (più possibile proroga di altri due), per uno stipendio da 154 mila euro lordi l’anno. Fa quadrato la sanità veneta attorno al governatore Luca Zaia. Dopo un anno passato, come più volte raccontato da True Pharma, a “perdere” i migliori manager della sanità pubblica regionale a favore di Roma (Domenico Mantoan in Agenas), Lombardia (Giovanni Pavesi alla DG Welfare lombarda) e, forse, Piemonte, ora sono ufficiali i nomi dei nuovi direttori generali delle nove Ulss, delle due Aziende ospedaliere di Padova e Verona, dell’Istituto Oncologico Veneto e dell’Azienda Zero – la super Asl – rinnovando così l’assetto manageriale dell’organizzazione sanitaria regionale. È stato lo stesso governatore a insistere sul concetto di “fare squadra” di fronte all’anno appena trascorso e alle sfide del futuro “I malati non conoscono confini – ha detto Luca Zaia rivolgendosi ai nuovi Direttori generali – e a voi chiedono lo stesso, di fare squadra, di costruire relazioni efficaci tra i diversi territori, tra Ospedali universitari e territoriali, tra ogni singolo ospedale e ogni singolo territorio. Più sarete uniti e più forte sarà la vostra squadra”.

Orgoglio? Il primo manager-infermiere

Ha parlato anche di “orgoglio” il numero uno del Veneto per “essere stata la prima Regione d’Italia a nominare Direttore generale un laureato in scienze infermieristiche”. Si tratta di Mauro Filippi all’Ulss 4 Veneto Orientale che, “studiando e lavorando è riuscito a salire tutti i gradini  di una lunga scala, arrivandone al vertice”. La nuova compagine dirigenziale è stata presentata a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale a Venezia, dallo stesso Zaia affiancato dall’assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin, e dal direttore generale della sanità regionale, Luciano Flor. Sette i manager selezionati nella rosa di 101 nomi che sono alla prima nomina; due quelli riconfermati nella stessa sede, quattro sono riconfermati ma in una sede diversa dalla precedente.

Tutti gli uomini di Luca Zaia

L’elenco come pubblicato dalla Regione vede l’approdo alla Ulss 1 Dolomiti della new entry Maria Grazia Carraro, prima donna dell’elenco; all’Ulss 2 Marca Trevigiana viene confermato alla guida Francesco Benazzi mentre cambio ai vertici della Ulss 3 Serenissima con l’ingresso di Edgardo Contato. All’Ulss 4 Veneto Orientale è il turno del sopraccitato Mauro Filippi. Patrizia Simonato, ex dg dell’Azienda Zero, va all’Ulss 5 Polesana, così come all’Ulss 6 Euganea entra Paolo Fortuna. All’Ulss 7 Pedemontana, arriva l’ex dg Ulss 4 Veneto Orientale, Carlo Bramezza, all’Ulss 8 Berica, si siede Maria Giuseppina Bonavina (in passato già dg Ulss Verona). Ritrova il suo posto all’Ulss 9 Scaligera Pietro Girardi.

Da ultimi: all’Azienda Ospedaliera di Padova, Giuseppe Dal Ben (già Ulss 3 Serenissima) mentre a all’Azienda Ospedaliera di Verona, fa il suo ingresso Callisto Bravi così come un’altra donna, Patrizia Benini approda all’Istituto Oncologico Veneto mentre per la poltrona più elevata dell’Azienda Zero, la giunta Zaia decide su Roberto Toniolo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Ristoranti con dehors? Zona rossa o zona bianca, è beffa per i commercianti di Milano: ora non si trovano i materiali

Gazebo, teli e materie prime sono introvabili. Gli imprenditori: "Attendo da 2 mesi". Così la decisione è diventata un boomerang

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti