Live

Medici di base, Fabrizio Cecchetti (Lega): “C’è grave carenza, Roberto Speranza batta un colpo”

Fabrizio Cecchetti (Lega): "La grave carenza dei medici di base si allarga a macchia d'olio, il ministro Speranza agisca"

“Il Ministro Roberto Speranza batta un colpo. La grave carenza dei medici di base si allarga a macchia d’olio. Interi quartieri privi di questo presidio sanitario fondamentale; cittadini che di colpo non sanno più a chi rivolgersi, costretti a fare i pendolari tra mille disagi per raggiungere il medico di base più vicino

L’appello arriva da Fabrizio Cecchetti, deputato del Carroccio, vice capogruppo vicario della Lega alla Camera e coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier.

Scarsità medici di base, in Lombardia tanti i cittadini penalizzati

Il caso degli ottocento mutuati, in particolare, è emblematico – ha spiegato Fabrizio Cecchetti – con molti anziani, costretti a viaggiare da Suardi, Gambarana e Pieve del Cairo sino a Lomello dopo il pensionamento del loro medico di base. In tutta la Lombardia si stimano circa 250mila persone penalizzate. Un dato tanto inaccettabile quanto allarmante. Che l’emergenza Covid abbia peggiorato la situazione è chiaro a tutti, ma altrettanto chiara dev’essere al governo la necessità di correre subito ai ripari con soluzioni concrete visto che le borse di studio sono definite a livello nazionale“.

Medicina di base e programmazione delle borse di studio

Una programmazione, quella delle borse di studio prossime, che per la Lega deve essere discussa con urgenza. “Secondo quanto diffuso dalla Federazione Italiana dei Medici di medicina generale, nei prossimi cinque anni, su base nazionale, smetteranno di esercitare 14.908 medici di famiglia. Quindi, circa 14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medico di base. In Lombardia è stato stimato che nell’arco temporale 2018/2028 andranno in pensione circa 4.167 medici di famiglia. Regione Lombardia sta infatti lavorando per risolvere il problema nell’ambito delle proprie competenze. Il ministro Roberto Speranza faccia altrettanto. Per esempio, con un piano nazionale di revisione dell’attuale assetto del sistema della medicina territoriale. Meno tagli in sanità, più investimenti: solo così potremo valorizzare la figura dei medici base e garantire una loro presenza soddisfacente negli ambulatori territoriali nazionali“.