Pharma Life Science. Lombardia regina d'Italia: 71 miliardi, 330mila addetti

Life Science. Lombardia regina d’Italia: 71 miliardi, 330mila addetti

Presentato a Milano il rapporto di Assolombarda. Dompé: “Investire su sviluppo e collaborazione pubblico-privato”

Un valore di produzione da 225 miliardi di euro nel 2018. Valore aggiunto 100 miliardi e 1,8 milioni di posti di lavoro. Questa la fotografia della filiera Life Science in Italia, illustrata il 27 novembre a Milano, durante il primo appuntamento del “Milano Life Sciences Forum 2020”, evento annuale di Assolombarda dedicato alle Scienze della Vita dal titolo “Il ruolo della Filiera Life Sciences per il futuro dell’Italia”. Solo in Lombardia il settore e la filiera macinano numeri, confermando il vero e proprio ruolo della regione come hub nazionale: valore della produzione pari a 71 miliardi di euro; valore aggiunto di oltre 25 miliardi di euro; 335mila addetti. Considerando anche l’indotto è una voce che rappresenta il 12,8% del Pil regionale, con l’incidenza in crescita di oltre 1 punto percentuale rispetto al 2014.

Questi alcuni dei numeri che emergono dal Rapporto sulla Filiera Life Sciences, che analizza il contributo del settore per l’economia regionale e nazionale. Lo fa mettendo a confronto la Lombardia con l’Italia, dove risulta la prima regione per sviluppo della filiera Life Sciences in termini economici, e anche quella dove la crescita della filiera è più dinamica e superiore alla media italiana: +27,5% contro +13,2% sul valore della produzione tra il 2014 e il 2018, e +22,8% contro +7,2% per quanto riguarda il valore aggiunto. Il confronto viene esteso anche con alcune regioni benchmark europee come Baden-Württemberg, Cataluña e Île de France, che presentano strutture economiche simili.

Il rapporto che è anche uno “strumento di sintesi”, come recita la nota di Assolombarda, ed è stato realizzato dal Centro Studi dell’associazione di categoria con il supporto del Cergas-Bocconi, e delle principali associazioni del settore Life Sciences a livello nazionale: AIOP, Confindustria Dispositivi Medici, Farmindustria, Federchimica, Federchimica-Assobiotec e il Cluster lombardo scienze della vita.

“La pandemia che stiamo fronteggiando mette in luce, in modo evidente, la strategicità della filiera delle Scienze della Vita – ha dichiarato Sergio Dompé, Vicepresidente di Assolombarda con delega alle Life Sciences -. Innanzitutto, per la capacità di dare risposte alla domanda di salute dei cittadini”. Per questo “le Scienze della Vita e la Sanità devono essere centrali nell’agenda politica dei Governi internazionali e dell’Italia, che vanta uno dei Sistemi Sanitari universalistici maggiormente riconosciuti a livello internazionale” e per il Vicepresidente di Assolombarda è necessario “investire sullo sviluppo di questa filiera, consolidare la collaborazione tra pubblico e privato e puntare sul valore dell’innovazione, sono elementi fondamentali per promuovere la competitività, la resilienza e lo sviluppo dell’intero Paese”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza