Pharma Big Data, codici e IA. Così ci cureremo in futuro?

Big Data, codici e IA. Così ci cureremo in futuro?

di Francesco Floris

Big Data per la ricerca scientifica; l’Intelligenza Artificiale per una nuova sanità. Preventiva, predittiva e di continuità assistenziale. L’ultima frontiera in Italia delle applicazioni tecnologiche al mondo sanitario affonda le radici in un documento del dicembre 2020. L’accordo siglato dal Ministero della Salute con Cineca – il Consorzio universitario italiano basato a Bologna a cui aderiscono 69 atenei, 8 enti di ricerca, due policlinici, Miur e Anvur – punta proprio sui sistemi tecnologici avanzati da applicare al Servizio sanitario nazionale. È solo lo step iniziale di un lungo processo. Ma a livello di tempistica è importante segnalare che se ne parlava già a febbraio 2020, pochi giorni prima del “paziente uno” e di Codogno, con l’incontro tenutosi nel capoluogo emiliano sui temi dell’Artificial Intelligence e dei Big Data in Sanità, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Salute, On. Sandra Zampa, del Consulente del Ministro della Salute, Armando Cirillo e del Direttore Generale di Cineca, David Vannozzi. Ora la pandemia dà un’accelerata e rende necessarie trasformazioni e slanci verso il futuro. L’accordo prevede una serie di punti. A cominciare dallo sviluppo di sistemi in grado di integrare tutti i dati del cittadino con modelli di interoperabilità tra territorio (fascicolo sanitario, immagini, dati dei social network) e presidi di ricovero e cura, allo scopo di superare la classica visione dei dati “a silos” per avvalersi di sistemi di analisi in grado di evidenziare le popolazioni target e capaci di valutare nel mondo reale l’impatto delle strategie d’intervento sanitario. I Big Data applicati in sanità permettono anche di sviluppare nuovi modelli di governance. Incrociare dati clinici e amministrativi dematerializzati, sentimentali e comportamentali, pur con le dovute accortezze (e sfide legislative) rispetto la normativa giuridica del dato e alla privacy, l’idea è quella di una gestione integrata del paziente cronico nel Ssn: per indirizzare le terapie, migliorare l’appropriatezza, incrementare la qualità delle cure.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

FraFloris
FraFloris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Il ministro vuole la DAD per sempre? No, grazie

Mentre il nuovo ministro dell'istruzione Bianchi pensa al futuro della DAD, le scuole vanno avanti (e pure i vaccini)

Denuncia caso Covid, l’azienda lo licenzia. La Uil contro il colosso dei cereali

Il caso alla Lameri spa di Cremona contro il Responsabile sicurezza dei lavoratori. Accusato di non aver rispettato i protocolli. Michele Saleri, segretario Uil: "Azione ritorsiva, i lavoratori avranno paura a parlare". L'avvocato annuncia ricorso

La Lega punta sui giovani per contrastare Beppe Sala

Le proposte degli under 30 del Carroccio: metro aperta 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, attenzione alla sicurezza e agli orari delle biblioteche

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Vaccini, mancano infermieri? Cgil alle Regioni: “Spendere ora i 100 mln in Finanziaria”

Giancarlo Go della Cgil FP: "Basta demagogia sulle spalle dei lavoratori del Ssn. I soldi sono in Finanziaria, le Regioni li usino". Per il sindacato così si trovano 600 medici e 2mila infermieri per la campagna vaccinale

Isf. Vaccino? È il caos (e regna l’anarchia regionale)

Per gli informatori scientifici del farmaco la vaccinazione procede a singhiozzo. La Lombardia si è attivata, altre sono ancora in alto mare