Pharma Big Data, codici e IA. Così ci cureremo in futuro?

Big Data, codici e IA. Così ci cureremo in futuro?

di Francesco Floris

Big Data per la ricerca scientifica; l’Intelligenza Artificiale per una nuova sanità. Preventiva, predittiva e di continuità assistenziale. L’ultima frontiera in Italia delle applicazioni tecnologiche al mondo sanitario affonda le radici in un documento del dicembre 2020. L’accordo siglato dal Ministero della Salute con Cineca – il Consorzio universitario italiano basato a Bologna a cui aderiscono 69 atenei, 8 enti di ricerca, due policlinici, Miur e Anvur – punta proprio sui sistemi tecnologici avanzati da applicare al Servizio sanitario nazionale. È solo lo step iniziale di un lungo processo. Ma a livello di tempistica è importante segnalare che se ne parlava già a febbraio 2020, pochi giorni prima del “paziente uno” e di Codogno, con l’incontro tenutosi nel capoluogo emiliano sui temi dell’Artificial Intelligence e dei Big Data in Sanità, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Salute, On. Sandra Zampa, del Consulente del Ministro della Salute, Armando Cirillo e del Direttore Generale di Cineca, David Vannozzi. Ora la pandemia dà un’accelerata e rende necessarie trasformazioni e slanci verso il futuro. L’accordo prevede una serie di punti. A cominciare dallo sviluppo di sistemi in grado di integrare tutti i dati del cittadino con modelli di interoperabilità tra territorio (fascicolo sanitario, immagini, dati dei social network) e presidi di ricovero e cura, allo scopo di superare la classica visione dei dati “a silos” per avvalersi di sistemi di analisi in grado di evidenziare le popolazioni target e capaci di valutare nel mondo reale l’impatto delle strategie d’intervento sanitario. I Big Data applicati in sanità permettono anche di sviluppare nuovi modelli di governance. Incrociare dati clinici e amministrativi dematerializzati, sentimentali e comportamentali, pur con le dovute accortezze (e sfide legislative) rispetto la normativa giuridica del dato e alla privacy, l’idea è quella di una gestione integrata del paziente cronico nel Ssn: per indirizzare le terapie, migliorare l’appropriatezza, incrementare la qualità delle cure.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza