Future Quest’uomo è più importante di Greta

Quest’uomo è più importante di Greta

La Cina ha annunciato di voler diventare “carbo neutral” entro il 2060. Si tratta di una deadline piuttosto stretta, specie per una potenza industriale che per la sua ascesa negli ultimi vent’anni ha puntato molto sul carbone, con pesanti conseguenze per il clima mondiale. Da qualche anno, però, il Presidente Xi Jinping ha spinto per una svolta verde, anche grazie al consiglio di Qimin Chai, direttore dell’International Cooperation Department in National Center for Climate Change Strategy and International Cooperation (NCSC) e autore di un piano che prevede, oltre agli investimenti nelle rinnovabili anche l’abbattimento delle emissioni di CO2 grazie al “carbon sink”.   Insomma, produrre meno emissioni ma anche catturare quelle esistenti, intrappolandole in ambienti in grado di conservarli lontano dall’atmosfera. È una tecnologia ancora nuova ma a fungere da sink sono oceani e foreste, oltre che riserve sotterranee. È anche per questo che la Cina sta piantando alberi da ormai quarant’anni, e continuerà a farlo (c’è anche una festa dedicata alla cosa, il 12 marzo).   Ovviamente l’obiettivo cinese è di usare queste politiche per favorire lo sviluppo economico, creando posti di lavoro e investendo in innovazione tecnologica.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale