Future Quelli che all'elettrico hanno già rinunciato

Quelli che all’elettrico hanno già rinunciato

Comunque vada il progetto automobilistico di Apple, sono molte le aziende di settori diversi dall’automotive che non hanno resistito alla tentazione dell’elettrico e del self-driving, per cambiare poi idea. Questo mese è toccato a Uber, che già da anni ha in progetto di sostituire – un giorno – la propria flotta di macchine con veicoli auto-guidanti, risolvendo con un’unica mossa il problema degli autisti e del loro status all’interno dell’azienda. Più facile a dirsi che a farsi, visto che la società ha appena ceduto la propria divisione che si occupava di automobili a una startup californiana, Aurora, nella quale ha anche investito 400 milioni di dollari. “In pratica Uber sta pagando l’azienda perché si prenda in carico l’operazione”, ha scritto il New York Times. Inoltre, Uber potrà infatti avere in licensing qualsiasi tecnologia verrà prodotta da Aurora.

Anche oltremanica è successo qualcosa di simile a Dyson, brand noto per gli aspirapolvere e asciugacapelli d’alta gamma, che negli anni scorsi ha sperimentato in segreto un’auto elettrica, per poi annunciare il ritiro del progetto con un post sul sito ufficiale dell’azienda, in cui il fondatore Sir James Dyson spiegò che il veicolo era “fantastico” ma non “sostenibile commercialmente”. Non ci si improvvisa produttori di automobili: Tesla, ad esempio, ci ha messo anni a entrare a regime (con ancora qualche difficoltà).
(Foto: Dyson)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Webuild: Salini Impregilo lancia la sfida per le grandi opere

Webuild, di cui Salini è il socio di maggioranza, ha una partecipazione azionaria composita, che va dalla CDP fino a varie banche coinvolte

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale