Future Il New Green Deal inglese è tutto italiano

Il New Green Deal inglese è tutto italiano

Saipem, Eni, Falck, Snam. Non sono nomi che solitamente vengono collegati alle questioni energetiche del Regno Unito ma il 2020 non ha paura di stupirci nemmeno in questo caso. Il governo conservatore guidato da Boris Johnson ha infatti ideato un nuovo piano energetico da 16 miliardi di sterline (circa 17,6 miliardi di euro), che rappresenta una svolta “green” per il Paese – e una mossa politica con cui Johnson vuole rilanciarsi dopo gli inciampi delle trattative per la Brexit e la gestione del Covid-19.La notizia è che a giocare un ruolo chiave in questo piano energetico ci siano proprio tante realtà italiane.  

Vediamole nei dettagli. Una delle colonne portanti del piano, che consta di dieci punti che vanno dalla semina di nuovi alberi al bando di alcuni tipi dimotore dalle strade, è l’energia eolica e il ventosissimo Mare del Nord, già molto sfruttato oggi. Secondo le ambizioni del governo, il Paese dovrebbe quadruplicare la quantità d’energia prodotta dal vento raggiungendo i 40 gigawatt: “abbastanza da dare energie a tutte le case del Paese”, secondo il Guardian. In prima fila in questa corsa troviamo la milanese Saipem, guidata da Stefano Cao, che ha investito da tempo nel Regno Unito (700 milioni di euro ad oggi) e conta già cinque parchi eolici in mare aperto.  

Come spiegaIl Sole 24 Ore, il piano interessa anche la Falck Renewables, nuovo nome delle industrie Falck, da tempo convertite alle rinnovabili, che si è accaparrata una fetta del budget eolico. Un’altra azienda italiana, Snam, invece, si è aggiudicata un importante investimento sull’idrogeno, da cui il Regno Unito punta di ottenere fino a 5 gigawatt d’energia. Infine, troviamo ovviamente Eni, qui alle prese con la nuova frontiera ambientalista: lo stoccaggio di CO2, che viene assorbito dall’atmosfera, conservato e trattato. In questo caso, si parla di un mega impianto in alto mare nel nord-est del Paese e un settore in cui saranno investiti 200 milioni di sterline. (Foto: David Sedlecký / Wikimedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero,...

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale