Future Anche Biden fa la guerra alla Cina. Ma in modo diverso da...

Anche Biden fa la guerra alla Cina. Ma in modo diverso da Trump

Nuovo presidente americano, solite ossessioni. Se l’Amministrazione Trump aveva basato parte della sua politica estera nella battaglia – anche industriale – contro la Cina, ecco che Joe Biden sembra ambire alla stessa cosa, sia pur con toni più moderati e strategici. Dopo i rumors della scorsa settimana, il presidente ha infatti firmato un ordine esecutivo presidenziale con cui mira a incrementare la produzione di chip e materiali negli USA, investendo 37 miliardi di dollari nel settore e avviando un’indagine che durerà cento giorni per scovare “vulnerabilità” nella filiera statunitense.

Cosa cambia rispetto ai tempi di Trump? Molto. Secondo alcuni analisti, la voce grossa dell’ex presidente avrebbe spinto la Cina ad accentrare ancora di più la produzione di alcuni elementi, tra cui i chip, di cui oggi si lamenta una penuria. Trump aveva anche agito contro Huawei, proibendo alle società americane di farci affari perché accusata di offrire un accesso segreto al governo cinese, rendendo di fatto qualsiasi dispositivo prodotto Huawei un pericolo in fatto di cybersicurezza. Ad oggi non è ancora chiaro se i divieti nei confronti della società rimarranno in vigore con Biden: ne sapremo di più alla fine dei cento giorni fissati dalla nuova legge, che è destinata a cambiare gli equilibri industriali e tecnologici in tutto il mondo.

Un mondo tecnologico senza Made in China è difficile da immaginare ma l’asse Taiwan-Giappone-Corea del Sud sembra già pronto a fornire un’alternativa filo-occidentale al gigante asiatico, con l’aggiunta dell’Australia per quanto riguarda le cosiddette “terre rare”, di cui la Cina ha un ampio controllo in tutto il mondo.

Insomma: si scrive tecnologia ma si legge geopolitica.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale