Ucraina, il sindaco di Zaporizhzhia: “Rapito mio figlio 16enne dai russi”

Ucraina, l'appello disperato del sindaco di Zaporizhzhia Oleh Buriak dopo il rapimento del figlio Vad di 16 anni. "Aiutatemi"

Il figlio di 16 anni del sindaco di Zaporizhzhia, Oleh Buriak, è stato rapito dai soldati russi. È quanto ha fatto sapere Oleh, lanciando così un appello che possa riportargli il figlio a casa.

Ucraina, il sindaco di Zaporizhzhia: “Rapito mio figlio 16enne dai russi”

Il fatto è avvenuto, secondo quanto raccontato dal primo cittadino della città ucraina, al checkpoint di Vasylivka mentre tentava di evacuare da Melitopol.

Lo ha appunto raccontato lo stesso Buriak, aggiungendo di non sapere dove si trovi il figlio e facendo comprendere di essere molto preoccupato per quella che potrebbe essere la sua sorte. ‘Mio figlio è stato rapito. Faccio appello alla comunità europea, all’umanità intera: aiutatemi. Fatelo sapere al mondo intero, ha detto il sindaco. Il ragazzo si chiama Vad e di lui non si avrebbero più notizie da giorni.

Le ultime notizie sul ragazzo

Quella del sindaco di Zaporizhzhia è una vera e propria denuncia choc e una richiesta di aiuta che arriva pubblicamente dopo 10 giorni dall’avvenimento. Le ultime notizie del ragazzo, infatti, risalgono all’8 aprile scorso, quando sarebbe stato trattenuto a un posto di blocco mentre stava fuggendo da Melitopol con altre persone. I militari di Mosca, alla scoperta che si trattava del figlio di un amministratore locale lo avrebbero portato via.

Ora il sindaco (e padre) Oleh si appella alla comunità internazionale. “Mio figlio di 16 anni era in macchina con due donne che conosceva e i loro tre figli. Erano tutti diretti a Zaporizhzhia – racconta Oleh sempre nel video-appello in cui ha chiesto aiuto – il convoglio di auto è stato fermato dai soldati russi, che si sono avvicinati a ogni macchina per controllare chi c’era dentro e dove stavano andando.

Hanno controllato il telefono di mio figlio e lo hanno trascinato fuori dall’auto”.