È morto Sinisa Mihajlovic: 53 anni, da anni combatteva contro la leucemia

L'ex allenatore Sinisa Mihajlovic è morto, all'età di 53 anni, dopo anni di lotta contro una forma di leucemia acuta

L’ex allenatore Sinisa Mihajlovic è morto, all’età di 53 anni, per la leucemia. Dopo il suo esonero dalla squadra del Bologna, un po’ dell’ex calciatore si erano perse le tracce mediatiche. Dal 2019 combatteva contro una forma acuta di leucemia: una battaglia che aveva reso pubblica, con coraggio e ironia, divenendo un testimone di una malattia che colpisce circa 8mila nuove persone ogni anno solo in Italia. Dopo un tweet di Clemente Minun di qualche giorno fa si era tornati a parlare di lui, ora la tragica notizia.

Sinisa Mihajlovic e la leucemia

L’ex allenatore Sinisa Mihajlovic è morto, all’età di 53 anni, per la leucemia. Nei giorni scorsi c’era apprensione sulle condizioni dell’ex allenatore del Bologna dopo un tweet del giornalista Clemente Mimun. Il motivo? La recita “Forza Sinisa” del suo tweet, pur non aggiungendo altro, parrebbe essere un campanello di allarme in merito alle condizioni di Sinisa Mihajlovic, alle prese dal 2019 con una dura battaglia contro un tumore.

Il “mostro” contro cui ha lottato Sinisa ha fatto la sua ricomparsa la scorsa primavera, a seguito di un trapianto di midollo osseo cui l’ex rossoblu si era sottoposto. Nel corso di una conferenza stampa quando era ancora allenatore del Bologna, parlando della malattia, l’ex calciatore aveva detto che “come sempre gioco a viso aperto. Svolgo ciclicamente analisi approfondite dopo la malattia, in questi anni la ripresa è stata ottima ma purtroppo dalle ultime analisi sono emersi dei capannelli di allarme e c’è il rischio di una ricomparsa della malattia. Sono pronto a darle un’altra lezione”.

Malattia

Sinisa Mihajlovic dal 2019 stava quindi lottando contro la malattia. Nello specifico, è stato colpito da una leucemia mieloide acuta ad alto rischio. Il percorso precedente era stato lungo e aveva portato a un trapianto di midollo.