Milano, morto il cinghiale nuotatore dei Navigli: si era rifugiato nelle fogne

Milano, morto il cinghiale nuotatore avvistato nei Navigli. L'animale si era rifugiato nelle fogne e si è spento poco dopo la cattura.

Milano, morto il cinghiale “nuotatore” del Naviglio: si era nascosto nelle fogne. L’animale si è spento poco dopo la cattura da parte delle forze dell’ordine: “Era fortemente debilitato, abbiamo fatto di tutto per salvarlo”.

Milano, morto il cinghiale “nuotatore” avvistato ai Navigli: era nascosto nelle fogne

Si chiude amaramente la storia del cinghiale “nuotatore” avvistato giorni fa sui Navigli a Milano. Questa mattina i vigili del fuoco, la polizia locale e la polizia provinciale hanno individuato l’animale, che si era nascosto in un condotto fognario vicino all’alveo dell’Olona.

Un veterinario dell’ATS lo ha sedato e le forze dell’ordine han tentato di salvarlo. Purtroppo il cinghiale, in fuga dallo scorso 4 agosto, era in pessime condizioni. Nonostante le attenzioni dei soccorritori, è morto poco dopo la cattura, durante il trasporto al centro di recupero per animali selvatici di Vanzago. Si trattava di una femmina di circa 50-70 chili. “Il veterinario ha subito constatato che l’animale era fortemente debilitato.” -raccontano gli operatori- “Forse per il caldo e l’ambiente poco salubre in cui è stato per giorni.

Ma tutti gli operatori hanno agito nel massimo della sicurezza e fatto di tutto per salvarlo e sono davvero affranti per quanto accaduto”.

Un ungulato sfuggente: sfugge alla cattura per settimane

Prima della triste conclusione della sua fuga, il cinghiale ne ha fatte passare di cotte e di crude ai suoi inseguitori. Le sue straordinarie doti da nuotatore han dato del filo da torcere ai vigili del fuoco milanesi, che non sono riusciti a metterlo alle strette.

Viene avvistato l’ultima volta in un canale collegato alla Darsena, poi l’ungulato sparisce per due settimane. Negli scorsi giorni, gli agenti nucleo Ittico Venatorio di Città Metropolitana e Protezione Civile avevano organizzato un ulteriore tentativo di cattura. I vigili han provato a stanarlo piazzando due gabbie e videocamere di fronte all’entrata e all’uscita del canale. L’animale gradisce le esce e si abboffa, ma non mette mai piede nelle gabbie.