Covid: Veneto, stop a interventi che prevedono la terapia intensiva

In Veneto la situazione del Covid è allarmante tanto da spingere la Regione Veneto a sospendere interventi che prevedono la terapia intensiva

Il Veneto sospenderà tutte le attività chirurgiche che prevedono ricovero in terapia intensiva. L’annuncio è di Luciano Flor, direttore generale della Sanità della Regione Veneto, che con questa notizia ha reso l’idea della difficile situazione in cui versano i contagi nel Veneto.

Veneto, stop a interventi che prevedono la terapia intensiva

Le attività chirurgiche che prevedono un passaggio in terapia intensiva, laddove non necessarie, saranno sospese per un periodo.

La decisione riguarderà tutti gli ospedali della Regione e le attività giornaliere e settimanali di intervento medico verranno interrotte. Il personale recuperato da questa stretta, come annunciato da Luciano Flor, sarà dirottato su vaccinazioni, tamponi e tracciamenti Covid in quanto la crescita dei contagi, specie in Veneto, comincia ad essere preoccupante.

I dati Covid del Veneto

Ma quali sono i numeri che stanno mettendo il Veneto in allarme? Nelle ultime 24 ore la cifra dei positivi rilevati arriva a 4.088 contro i 2,096 di ieri e anche del numero di morti, 19 contro i 10 di ieri.

Il totale dei positivi sale a 558.205 e quello delle vittime a 12.084 dall’inizio della pandemia. Lo rileva il bollettino della Regione. Gli attuali positivi sono 52.020 (+1.435), mentre negli ospedali vi sono 997 ricoverati nei reparti ordinari (+11) e 142 (+6) in terapia intensiva-