Economy Addio, rider? Questo robot ha già fatto un milione di consegne

Addio, rider? Questo robot ha già fatto un milione di consegne

È nata nel 2016 in Estonia e ha appena completato la sua milionesima consegna. Starship Technologies vuole rivoluzionare il mondo delle consegne e del delivery, con migliaia di robottini in grado di conservare e consegnare pasti caldi – ma anche pacchi. Quello del delivery robot è un obiettivo che viene inseguito da anni da molte startup ma Starship sembra tra le più vicine al risultato.

Mentre l’azienda festeggia il traguardo delle delivery a sei zeri, lavora anche alla diffusione delle sue macchine in decine di città e, soprattutto, nei campus universitari degli USA. Luoghi perfetti, quest’ultimi, per testare la tecnologia in un ambiente denso e chiuso, con poco traffico “esterno”.

Le conseguenze della diffusione di questi robot potrebbero essere enormi per il settore della gig economy, che specie durante il lockdown ha avuto un boom di utenti e di lavoratori. Tutte le polemiche di cui True Working si occupa regolarmente, dalla regolamentazione dei contratti alla sicurezza dei rider, potrebbero essere messe a tacere (almeno in parte) da questi macchinari. I quali non conoscono né fatica né sindacati; funzionano, e basta. Eppure, questa non sarebbe una soluzione vera e propria al problema. Anzi, si tratta di una prospettiva preoccupante per chi negli ultimi anni (o mesi) si è affidato a servizi come Glovo, Deliveroo e JustEat per la propria sopravvivenza.

Tornando a Starship, visto che ogni robot è collegato al GPS, l’azienda ha potuto stabilire con precisione qual è stata la loro milionesima consegna: è avvenuta nel campus di Bowling Green, in Ohio, ed è stata recapitata alla studentessa Annika Keeton. Chissà se, mentre prelevava quella pizza dal robot, si è resa conto del potenziale storico di quel momento.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Hotelturist, come vivere una vacanza indimenticabile

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero, è attiva...

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura