Economy Ecco cosa contiene il primo report sul Reddito di Cittadinanza

Ecco cosa contiene il primo report sul Reddito di Cittadinanza

Ce n’è voluto di tempo ma finalmente abbiamo i dati ufficiali sul Reddito di Cittadinanza. Sono informazioni aggiornate al settembre 2019, contenute nel Rapporto da poco realizzato dal governo. Un documento di 160 pagine riassunte in un comodo pdf (lo puoi scaricare qui) che dipinge un’Italia diversa, pre-Covid, ma è l’unico che abbiamo finora. E ci consente di scattare una prima fotografia dell’impatto dell’iniziativa sulla società italiana. Vediamolo.

In totale il 3,54% dei nuclei familiari italiani “è beneficiario del Reddito/Pensione di Cittadinanza, per un totale di 904.267 nuclei suddivisi tra Pensione di Cittadinanza (12,6%) e Reddito di Cittadinanza (87,4%)”. Il report mette quindi insieme le due misure d’aiuto, simili ma pensate per fasce d’età diverse. A interessarci è perlopiù il Reddito, che è anche il più diffuso, che sembra aver raggiunto gran parte delle persone interessate.

La diffusione

Come ha scritto Luca Fanelli, il “take-up” della misura, ovvero il grado con cui ha saputo raggiungere i suoi obiettivi, è molto alto. “È probabile che ciò derivi, da un lato, dall’eccezionale copertura mediatica che ha avuto il RdC e, dall’altro, dall’efficienza dei diversi canali messi a disposizione per la presentazione della domanda, conosciuti dai potenziali richiedenti e privi di connotazioni stigmatizzanti per chi vi accede”.

Com’è noto, la situazione cambia drasticamente di regione in regione, con una netta differenza di richieste tra Nord e Sud. L’incidenza sul totale dei nuclei residenti nel mezzogiorno è del 6,8%, nel centro è del 2,6% e nel nord del 1,1%. La regione con il minor numero di nuclei familiari beneficiari (0,6%) è il Trentino-Alto Adige, seguita dal Veneto (1,3%), mentre la più alta si registra in Campania (8,1%).

Un’infografica del Rapporto mostra la percentuale di nuclei familiari beneficiari per regione.

Chi sono i beneficiari

Per quanto riguarda la composizione dei nuclei beneficiari, il 38,9% è composto da una persona single, mentre le famiglie con almeno un minore rappresentano il 35,2%. Le donne “sono maggiormente rappresentate tra gli individui beneficiari, soprattutto nelle classi di età centrali e in quelle più avanzate”. Due beneficiari su tre della pensione di cittadinanza sono di sesso femminile.

Anche le fasce d’età contengono informazioni interessanti: le più coperte sono quelle 0-17 e 35-64 mentre le 18-35 e gli over 65 sono quelle meno coperte. E le somme elargite? In tutta Italia, con la sola eccezione del Veneto, la maggior parte riceve redditi con importo superiore ai 401 euro mensili.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%