Quanto spende la Russia per portare avanti la guerra in Ucraina

Quanto spende la Russia per portare avanti la sua missione in Ucraina? Secondo alcune stime tra i 200 e i 500 milioni di dollari al giorno

La guerra in Ucraina, oltre a provocare morte e distruzione, sta bruciando esorbitanti riserve di denaro. Quanto spende la Russia per portare avanti la sua missione sul territorio ucraino? È la domanda che tutti si fanno e alla quale pochi sanno davvero rispondere. Ebbene, l’investimento economico di Mosca è valutato in un ordine compreso tra i 200 e i 500 milioni di dollari al giorno.

I dati del Ministero di Mosca

I dati relativi allo scorso mese diffusi dal Ministero delle Finanze russo – rilanciati da The Moscow Times ma presto scomparsi dalla rete – fotografano una situazione emblematica. Ad aprile, Vladimir Putin ha bruciato oltre 300 milioni di dollari al giorno per la Difesa, di fatto raddoppiando la spesa utilizzata nel periodo prebellico. Ma, in generale, è da quando è scoppiata la guerra in Ucraina che la suddetta spesa è aumentata mese dopo mese.

I numeri parlano chiaro.

Se a febbraio la Russia ha investito 5,4 miliardi di dollari nella Difesa, tale somma è schizzata a 6,6 miliardi nel mese di marzo. Peggio ancora è avvenuto ad aprile, quando si sono toccati i 9,2 miliardi di dollari. Calcolatrice alla mano, Mosca spenderebbe 308 milioni di dollari al giorno per portare avanti la guerra sul territorio ucraino. Altra piccola considerazione: tra gennaio e la fine di aprile 2022, la Federazione Russa ha stanziato 24,6 miliardi di dollari del budget per le spese militari.

Si tratta del triplo dell’importo impiegato per l’istruzione e più del doppio di quello speso per la salute.

Stime e calcoli

Ci sono i dati ufficiali, seppur ambigui e da prendere con i guanti di velluto, e poi troviamo le stime di analisti indipendenti. Robert Farley, esperto militare americani spesso citato nelle pubblicazioni ufficiale russe, sostiene che un giorno di guerra in Ucraina costi a Mosca non meno di 500 milioni di dollari.

Il media russo Ukraina.ru, parte della holding Russia Today, sostiene che la Russia abbia fin qui speso complessivamente 20 miliardi di dollari. Proprio come l’agenzia di stampa turca Anadolu, che ha supportato la sua tesi citando uno studio del Centre for Economic Recovery and EasyBusiness e CIVITTA.

Il dipartimento dati della Novaya Gazeta ha invece ragionato in maniera differente. Prenendo in esame i dati sul costo delle operazioni militari russe in Siria, gli analisti hanno confrontato le forze coinvolte nelle due guerre.

Ebbene, mantenere 1.600 uomini sul territorio siriaino è costato a Mosca 2,4 milioni di dollari al giorno. Basti sapere che in Ucraina ci sono almeno 149mila uomini, e il gioco è fatto. Un calcolo approssimativo – una sorta di media – mostra che per un giorno di guerra la Russia può arrivare a spendere circa 223 milioni di dollari tra pagamenti dei militari, manutenzione dell’equipaggiamento, comunicazioni, spese mediche, cibo senza tener conto del trasporto.

I serbatoi della Russia

Vale la pena, infine, fare un ultimo appunto che chiarisca le origini dell’immensa quantità di denaro quotidianamente spesa dalla Russia per sostenere la guerra in Ucraina. Premesso che le cifre sopra riportate sono approssimative, Mosca continua a ricevere soldi dall’esportazione di idrocarburi, riuscendo così a coprire parzialmente il costo della guerra.

Pare, addirittura, che durante l'”operazione speciale”, Mosca abbia raddoppiato i suoi profitti dalla vendita di petrolio, carbone e gas all’Unione europea rispetto ai dati dello scorso anno, arrivando a guadagnare 44 miliardi di euro (46,2 miliardi di dollari o 3,2 trilioni di rubli) in appena due mesi.

Denaro fresco, va da sè, che sarà reinvestito da Mosca nel conflitto ucraino.

IL REPORT PER CAPIRE QUANTO SPENDE LA RUSSIA PER PORTARE AVANTI LA GUERRA IN UCRAINA