Economy Riusciremo a perdere anche questa stagione estiva?

Riusciremo a perdere anche questa stagione estiva?

Dimenticandosi per un istante di essere il Presidente del Consiglio, giovedì scorso Draghi ha detto la sua sul turismo: “L’Italia ha molto da imparare su questo”. E ha ricordato che “Grecia e Spagna già hanno annunciato” di poter ospitare turisti stranieri in tutta sicurezza. Infine, la chiosa: “la stagione turistica è già domani”. Tutto vero, per carità, ma se qualcosa si può fare – e va fatta – per salvare almeno la stagione estiva dal Covid, è il governo a doverlo fare. 

Inseguire Spagna e Grecia

Draghi ha promesso celerità. Obiettivo: recuperare il tempo perduto. E, soprattutto, non farsi superare o doppiare dalle competitor del turismo mediterraneo, Grecia e Spagna. La principale differenza tra noi e loro è la burocrazia. Sì, anche rispetto il dinosauro ellenico, l’Italia risulta macchinosa e confusa, con regole e standard che cambiano da regione e regione, confondendo gli stranieri (e pure gli italiani). Canarie e Balneari, invece, hanno le stesse regole; allo stesso modo, le isole greche.

Non solo: si è molto parlato dei primi voli “Covid tested” in arrivo nei due Paesi. Una garanzia di sicurezza forse non totale ma sufficiente a muovere comitive e ridare ossigeno al settore turistico, che rappresenta il 13% del nostro Pil. Questi voli si basano su un accordo con le autorità sanitarie, che tamponano i passeggeri in partenza. In Grecia, dove il 10% della forza lavoro opera in questo settore, si sono spinti oltre, vaccinando i residenti delle isole più attenzionate dal pubblico internazionale. Creando, insomma, delle “bolle” dove la pandemia è un brutto ricordo.

Le bolle senza virus

Un approccio drastico, certo, che risulta comunque migliore del consueto balletto all’italiana. Come ha detto Paolo Manca, presidente di Federalberghi Sardegna, “non è possibile che si premetta agli italiani in lockdown di raggiungere destinazioni estere ma di non poterlo fare, ad esempio, verso aree organizzate dello stesso Paese. Non è che alla Baleari un turista abbia meno possibilità di contagiarsi. O ci mettiamo d’accordo e ci accomodiamo tutti sulla stessa barca, oppure i lavoratori del turismo rischiano una doppia beffa”.

Sarebbe un colpo micidiale per l’Italia, l’ultima grande beffa: venire superati in efficenza burocratica dai nostri cugini dell’Europa del Sud.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%