Economy Vi manca lavorare dal bar? È normale, dice la scienza

Vi manca lavorare dal bar? È normale, dice la scienza

A tutti manca il bar, non ci sono dubbi. Le interazioni, le serate in compagnia, il caffè al banco o il drink il sabato sera. Ma c’è anche chi ha nostalgia per questi luoghi per altri motivi… di lavoro, diciamo. Specie nelle grandi città, è comune vedere persone passare le giornate in qualche locale, bevendo un caffè davanti al laptop, a lavorare, a scrivere o a rispondere a qualche mail. È un pezzo di ritualità lavorativa che è stato del tutto polverizzato dall’emergenza pandemica, e che può avere notevoli effetti nella nostra creatività: esistono infatti diversi studi sul rapporto tra bar e creatività, in cui si sottolinea l’importanza dei rumori e della presenza degli altri nel flusso creativo di molte persone. Lo chiamano “coffee shop effect” ed è in grado di motivare, ispirare e persino rilassare chi lo vive.

Se siete questo tipo di persona, potrebbe interessarvi il sito I Miss My Bar, in cui è possibile mixare diversi effetti sonori per creare il tappeto sonoro “da bar” che preferite. Da provare mentre siete in cucina o in camera da letto, aspettando di tornare in ufficio – anzi, al bar.

(Foto: “I Nottambuli” di Edward Hopper, 1942, Art Institute of Chicago / Wikimedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Webuild: Salini Impregilo lancia la sfida per le grandi opere

Webuild, di cui Salini è il socio di maggioranza, ha una partecipazione azionaria composita, che va dalla CDP fino a varie banche coinvolte

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura