Economy Rider e Amazon sono solo l'inizio: la gig economy sta divorando tutto

Rider e Amazon sono solo l’inizio: la gig economy sta divorando tutto

Non sono solo gli orari folli, la fatica e le condizioni di lavoro discutibili. È anche e soprattutto il tipo di rapporto che si crea con il datore di lavoro, completamente nuovo, digitalizzato, basato sul monitoraggio costante del lavoratore. Non è una coincidenza che i lavoratori della cosiddetta “gig economy” stiano scioperando in modo così rumoroso: quelli di Amazon lunedì scorso, i rider della delivery, venerdì.

Lavorare per un algoritmo

Una settimana importante per i lavoratori di questi settori, così diversi ma accomunati da mansioni sfiancanti e ripetitive, manuali ma e allo stesso tempo del tutto digitalizzate. È il trionfo delle piattaforme digitali e degli algoritmi, che regolano i loro movimenti e le loro condizioni economiche. Lavorare per un algoritmo è ancora un’eccezione che riguarda figure poco specializzate. Per ora. Secondo alcuni, però, è destinato a diventare la norma per sempre più persone.

L’economia del “lavoretto”

È l’inevitabile conseguenza della hustle economy, l’economia del “lavoretto”, il progetto personale che una persona segue e porta avanti parallelamente al proprio impiego. Alle tradizionali ore di lavoro, quindi, si finisce per aggiungerne altre, degli straordinari non pagati, attorno ai quali è nato un intero ecosistema di app e servizi.

Certo, qualcuno potrebbe guidare un Uber o fare consegne su Deliveroo per arrotondare. Ma il risultato, soprattutto nel mondo post-Covid, è che disoccupati e precari si sono dati a Twitch, YouTube, OnlyFans, Etsy ecc., entrando nello stesso universo lavorativo dei rider. Anche loro finiscono per lavorare per un algoritmo. Ed è solo l’inizio, perché nemmeno le specializzazioni professionali proteggono più come un tempo.

La minaccia per il mondo culturale

Anzi, i settori della produzione culturale, composti da laureati formatissimi, sono tra i più vicini ad essere controllati da questa marea di dati, applicazioni e servizi. E una volta che un lavoro viene quantificato, non può che diventare precario. Sempre di più. Perché, come dimostrano rider e driver, un lavoro che si può fare quando si vuole da una semplice app, non è un lavoro che garantisce grandi garanzie sul futuro.

È per questo che, secondo alcuni, le lotte sindacali della gig economy saranno solo l’inizio. E interesseranno sempre più persone, in un futuro in cui il lavoro è un algoritmo e i lavoratori diventando semplici “utenti”. E perdono ogni diritto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura