Economy Diasorin: mercati e bilanci se ne fregano dei pm e di Report

Diasorin: mercati e bilanci se ne fregano dei pm e di Report

L’ultima tegola? L’inchiesta per insider trading, come raccontato da Luigi Ferrarella sul Corriere della Sera sabato 1 maggio, che ha messo nel mirino anche l’amministratore delegato di Diasorin, Carlo Rosa. Le cifre, anche se confermate, sono ridicole: poche migliaia di euro. C’è un altro elemento che non torna nell’inchiesta: le informazioni oggetto della “rivelazione” dell’ad di Diasorin erano già rese pubbliche da lui stesso intervistato da Andrea Cabrini il 10 marzo 2021 su Class Cnbc.

È stato un anno duro per la multinazionale della diagnostica di origine piemontese. I rapporti con la politica lombarda finiti nel mirino di magistrati e trasmissioni televisive. Il Tar Lombardia (poi smentito) che sospende la validità degli accordi presi sui sierologici costringendo Diasorin a sospendere tutte le proprie attività di ricerca in Italia realizzate in collaborazione con enti pubblici, come nel caso del San Matteo di Pavia. A un occhio poco attento sembra la tempesta perfetta. Non è così a guardare i numeri.

Tempesta perfetta? Non se si guardano i numeri…

Fatturato? 881,3 milioni di euro, con +24,8% nel 2020. Utile netto a 248,3 milioni, in aumento del 41,3%. Niente male l’anno della pandemia per Diasorin, che esce non solo illesa ma in apparenza rafforzata dal Covid. I veri crolli in borsa? Ci sono stati quando arrivavano notizie positive sull’approvazione o i test clinici dei vaccini, come è normale che sia. Se c’è “l’antidoto” (il vaccino) servono meno test per la diagnosi – è il ragionamento.

Si scopre ben presto che non è così: i vaccini approvati fino ad oggi non stimolano la memoria immunitaria. Il che significa che bisogna monitorare l’evoluzione degli anticorpi per capire la durata dell’efficacia della campagna vaccinale e, nel caso, ripeterla almeno su anziani e fragili. Chi ha la (una delle) soluzioni? Diasorin con i suoi test.

I procedimenti giudiziari? Una società che capitalizza 7,7 miliardi, con il 53% del fatturato negli Stati Uniti d’America può fare tranquillamente a meno di essere terrorizzata dai pm della Procura di Milano. Per Diasorin l’Italia pesa meno del 20% del fatturato, è investita da grandi fondi internazionali, e i mercati hanno letto le vicende giudiziarie più come questioni ascrivibili alla gestione politica della crisi di Regione Lombardia e all’organizzazione delle gare. I ribassi in borsa? Sono stati in linea con i titoli del settore che hanno reagito negativamente alle notizie sui vaccini.

Da Diasorin al settore della diagnostica molecolare

Dei nodi concreti però ci sono eccome che riguardano l’intera industria di settore. La diagnostica molecolare per il Covid ha inciso per circa il 30% del fatturato dello scorso anno. Lo ha fatto a discapito del rallentamento di tutte le altre attività non covid, a causa del difficile e a tratti impossibile accesso alle misure ospedaliere per gli esami di routine e per quelli straordinari. Nei fatti Diasorin ha perso 300 milioni di euro di fatturato da attività tradizionali, per ora largamente compensate dalle attività Covid. Non è un “pasto gratis”. Nel gergo di settore lo hanno chiamato effetto “Covid Cliff” che da qualche mese ha innescato una fortissima ondata di operazioni di fusione e acquisizione. Sia fra chi i test li produce sia fra chi ne fruisce come i laboratori di diagnosi. Con un trend di consolidamento fra i diversi player visibile nell’Unione Europea ma soprattutto in Usa. Negli Stati Uniti una manciata di grossi operatori nel settore dei laboratori di diagnostica si stanno comprando tutti quelli del territorio, anche i più dispersi.

L’obiettivo? Far sì che le varie catene abbiano un potere contrattuale più elevato nei confronti dei produttori di test, mantenendo però la capillarità geografica dopo che la pandemia ha svelato come la “medicina di territorio” e quindi anche la “diagnostica di territorio” sia una ricchezza. Non si compra una catena per fare solo economia di scala (magari con gli esuberi di lavoratori e la chiusura dei laboratori più piccoli e meno serviti) ma per essere presenti sul territorio acquisendo quote di mercato. In Italia? È notizia di questi giorni che il fondo svedese di private equity, EQT, è interessato a comprare oltre 300 laboratori della penisola, dopo aver acquistato un mese fa una grossa catena francese che controlla i laboratori visibili nelle nostre città con le insegne “Delta Medica” e “Fleming”. A vendere sarebbe la Investindustrial del finanziere Andrea Bonomi che controlla il network di laboratori della Lifebrain – 320 laboratori in 17 regioni per un fatturato di 180 milioni nel 2020 – che, per fare un esempio, controlla il Centro Diagnostico di San Babila in via Visconti di Modrone.

Punti diagnostici sempre più vicini al paziente

Dopo un anno di pandemia c’è chi mette sul piatto cifre importanti, con lo scopo di raggiungere la capillarità. Non solo si assiste al consolidamento della proprietà ma anche a una progressiva decentralizzazione dei punti diagnostici, sempre più vicini al paziente. È il cosiddetto approccio “point of care”. Dove l’economia di scala si fa sulle forniture, su macchinari e approvvigionamenti, sull’amministrazione e sulla infrastruttura informatica. Non su quantità del personale e strutture.

Avviene dentro a un mercato, quello della diagnostica, che vale 90 miliardi di dollari nel mondo con le prime 5 multinazionali che detengono il 51% del mercato. Le altre fette della torta se le dividono, a piccolissimi bocconi, tutti i restanti operatori. Come Diasorin. La morale? Chi non ha scala critica muore o viene mangiato, magari anche a buon prezzo. Deve essere per questo che nemmeno un mese la multinazionale italiana ha annunciato l’acquisto della società Luminex in America. L’accordo necessita di una serie di passaggi approvativi e dovrebbe diventare effettivo in estate. Ma la strategia è chiara: rafforzarsi per poter trattare da pari e arricchire la propria gamma di prodotti. Per esempio con la citometria a flusso, che serve a misurare il numero di cellule e identificare le dimensioni.

È la nuova frontiera della diagnostica riassumibile nel capitolo Life Science: biomarcatori tumorali; produrre sostanze che consentono, come delle cartine tornasole, di trovare agenti patogeni senza avere macchinari, il che significa poter effettuare l’analisi al di fuori delle strutture ospedaliere. O ancora: il nuovo mercato fatto di prodotti “lateral flow” con soluzioni diagnostiche pret-à-porter (la sindrome dell’intestino irritabile, un classico), con test pungidito di altissima qualità, sia covid che non covid. Una delle impressioni è che i produttori stiano quasi provando a disintermediare gli hub e i laboratori grazie all’innovazione e almeno su alcune patologie. Chi ne uscirà vincitore? Chi sconfitto? E a quale prezzo?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura